ULTIM'ORA

Roma Ninja: mai Juve, no Napoli,Naingolan!

nainggolan.roma.festeggiato.de.rossi.2016.20171.750x450

di Nina Madonna - Mai alla Juve, perso dal , preso dalla Roma: Raja detto il Ninja è la sintesi di Inter-Roma, 1-3 e del campionato no!
Un belga, opposto di Mertens: potente, preciso, decisivo…Naingolan!
Di un altro mondo ieri a con la doppietta che ha ammutolito la Scala, Radja Nainggolan è stato devastante, perfetto: incisivo, cattivo, centrale nel gioco di Spalletti che lo ha inventato dietro Dzeko, leader anche nella manovra d’.

Gira a meraviglia Radja: ha confermato le sue qualità storiche di combattente e emerso per altri colpi da campione che con 2 siluri ha affondato la speranza nerazzura e la voglia cinese di Champions.

Adesso aspetta il rinnovo del contratto.
Va a scadenza nel 2020, non è un problema di tempistiche ma di ingaggio. Perché appena un anno e mezzo lo Roma ha già adeguato lo stipendio, ma il rifiuto alla mega offerta del Chelsea la scorsa estate e questa stagione eccezionale chiede altro.
Un contratto da quasi 5 milioni più bonus lontano dai 3,2 attuali…
Anche la Roma ricorda di aver rifiutato 40 milioni da Conte, alla fine bisognerà chiudere.

Antonio Conte che lo voleva a tutti i costi con sé a Londra, due rilanci prima di dover rinunciare; ha fatto un tentativo in gran segreto a inizio agosto anche l’Inter, per questo Nainggolan non ha smentito le voci nerazzurre del passato durante la scorsa settimana.
Un’offerta troppo bassa per una Roma che mai lo avree ceduto in , specialmente dopo l’affare Pjanic-Juve; ma Suning ci ha provato, quando Joao Mario pareva irraggiungibile.
inutile, Roma lo ha blindato, presto con nuovi contatti per rinnovare e superare i 4 milioni all’anno. Meritati sul campo.

NOTE. Colpo grosso della Roma nel posticipo della 26.ima giornata di . I giallorossi sbancano con una prova di grande autorità (3-1), respingono l’assalto Champions dell’Inter, allungano sul e restano in scia della Juventus anche se ancora a 7 punti di distanza. A decidere la partita una doppietta meravigliosa del solito Nainggolan e un rigore di Perotti. All’Inter non basta il gol del provvisorio 1-2 di Icardi.

VOTI DECISIVI.
Gagliardini 6. Si perde Nainggolan in occasione del primo gol, ma per il resto è l’unico giocatore dell’Inter ad avere le idee chiare in mezzo al campo e a distribuire sempre il pallone con intelligenza.
Perisic 5,5. Si prende un giallo per un’ingenuità incredibile dopo appena 6′ (si alza il pallone e lo consegna di testa ad Handanovic regalando alla Roma una punizione a due in area) e non si riprende fino all’assist per Icardi a 10′ dalla fine. Fatica con Rudiger e Peres e non si propone praticamente mai. A inizio secondo tempo ha la palla del pareggio a due passi da Szczesny ma si fa deviare il tiro a colpo sicuro
Murillo 5. Se la Roma arriva al tiro praticamente sempre dal suo lato un motivo ci sarà. In imbarazzo sia su Nainggolan che su Dzeko, balla che nemmeno Nureyev

Nainggolan 7,5. Un gol più bello dell’altro. Prima un destro a girare sotto il sette, quindi un siluro da fuori che fulmina Handanovic. Come non bastasse, solito ottimo lavoro sia in copertura che in costruzione
7. E’ la grande scoperta della stagione giallorossa. Bravo sia di testa che sui palloni bassi, lotta come un leone con Icardi e lo limita fin quasi ad annullarlo

TABELLINO. INTER-ROMA 1-3
Inter (3-4-2-1): Handanovic 6; Murillo 5, Medel 5,5, D’Ambrosio 6; 5 (30′ st Gabigol 5,5), Gagliardini 6, Kondogbia 5,5, Perisic 5,5; Brozovic 5,5 (9′ st Eder), Joao Mario 5 (35′ st Banega sv); Icardi 6,5. A disp.: Carrizo, Andreolli, Sainsbury, Santon, Nagatomo, Biabiany, Ansaldi, Pinamonti, Palacio.
Allenatore: Pioli
Roma (3-4-2-1): Szczesny 6,5; Rudiger 6,5, 7, Manolas 6,5; Peres 6,5 (44′ st Vermaelen sv), 6,5 (40′ st Paredes sv), Strootman 6,5, Juan 6; Salah 6 (26′ st Perotti 6,5), Nainggolan 7,5; Dzeko 7. A disp.: Alisson, Lobont, Emerson, Mario Rui, Grenier, Gerson, Totti, El Shaarawy.
Allenatore: Spalletti

Arbitro: Tagliavento
Marcatori: 11′ e 11′ st Nainggolan
Ammoniti: Perisic, Murillo, ,