ULTIM'ORA

Roma-Lazio, la notte del futuro!

b0969c5520cab25587cb1f1f240e8be4

di Romana Collina – Nicola Rizzoli accompagnerà Roma o Lazio alla finale. In un certo senso testimone del della Roma e di Spalletti. Com incia male Monchi dicendo che gli piace Luis Enrique…
Faccia il suo lavoro in silenzio, l’Italia non è la Spagna e Roma è dieci volte più grande di Siviglia!

Roma-Lazio di questa sera, è crocevia del finale di stagione per entrambe, ma sopratutto incrocio del giallorosso a tre teste: Baldini, Pallotta e Spalletti orfano di Sabatini!

Questo Roma-Lazio è anche il primo vero banco di prova per i della Capitale, pronti a tornare in curva dopo la rimozione delle contestatissime barriere. Si prevede “una considerevole presenza di blico” e proprio per questo la Questura ha messo in piedi un articolato piano sicurezza.

Controlli e bonifiche sono in corso nelle aree adiacenti allo o, mentre particolare attenzione sarà riservata all’individuazione di eventuali di squadre straniere gemellate con Roma e Lazio che potrebbero arrivare in città per assistere al derby.

Fondamentali, a tal proposito, saranno le riprese video della Polizia Scientifica, che potranno essere utilizzate sia per l’inizio di azioni penali sia di procedimenti amministrativi. Al termine del tavolo tecnico di oggi pomeriggio a San Vitale, al quale ha partecipato il questore Guido Marino, è stato ampliato il divieto di vendita di bevande in bottiglie anche a negozi, alimentari e bar leggermente più distanti dall’Olimpico. Sarà consentito, invece, l’uso di contenitori di plastica o carta. I cancelli saranno aperti alle 18, con la Questura che invita i a raggiungere l’impianto sportivo con i mezzi blici. Per chi invece arriverà all’Olimpico con la propria auto sono state disposte due aree parcheggio. Per i sostenitori biancocelesti sono indicate l’area “XVII Olimpiade” e l’area “Tor di Quinto”, mentre per quelli giallo l’area “Clodio” e l’area “Cipro”. Qui gli steward effettueranno un servizio di accoglienza e indirizzamento degli spettatori verso l’itinerario di afflusso al settore di appartenenza.

Non nomina mai la Lazio ma riconosce che il derby sarà una gara spartiacque per il suo alla Roma… “Dopo questa partita si traccia una linea e si ragiona in maniera diversa, si guarda a che discorsi si andrà a fare” anticipa Spalletti, obbligato a ribaltare il 2-0 laziale e la possibilità di vincere un trofeo.

“Dopo il pari tra Napoli e viene fuori che la Roma in campionato ha fatto più punti di tutti nel girone di , è un dato di fatto. Questo derby è la ciliegina sulla torta, ma sia noi che i nostri avversari ci siamo costruiti la possibilità di un importantissimo, per cui non finisce lì”.

A finire potrebbe essere il suo secondo mandato sulla panchina giallorossa. “Io non tiro a campare, tiro a vivere, per cui so sempre quello che dico. Del mio contratto si è parlato già troppo quindi ora si va dritti fino al termine del campionato, dove poi ci sarà il momento dove si determina ogni cosa”. Arrivederci a metà maggio.

Spalletti recupera De , convocato in extremis dopo i problemi alla schiena subiti in nazionale e ritrova la Curva Sud, dopo un anno e mezzo di assenza. “Molti dei miei calciatori non sanno cosa sia e cosa può fare, di cosa è capace quando vuole essere partecipe con il suo sostegno fatto di sentimento. Può incidere molto, ma è chiaro che noi dobbiamo creargli le condizioni per essere determinanti”.

“La partita delle partite” è così invece per Simone Inzaghi, miracolato dalla conferma di quando già si sentiva a Salerno. “E’ finito un primo tempo in vantaggio, ma sicuramente non faremo calcoli e giocheremo la nostra partita come all’andata. Perché contro la Roma non è solo una gara che può aprire le porte alla finale e la di un trofeo. È per definizione una sfida in cui si può entrare nella storia”.

Il 5 aprile, Inzaghi compirà 41 anni e quindi… “Speriamo che i ragazzi mi facciano un regalo di compleanno importante”.
Tra gli affaticati, anche Ciro , che ha saltato la rifinitura.
Cautela prima di tutto, quindi. Ma è pronto Djordjevic che schierato al suo posto nell’ultima partitina.
Inzaghi riproporrà il 3-5-2 dell’andata, con Lulic al posto dello squalificato Parolo in mezzo al campo e Anderson alle spalle di . Sugli esterni, Basta e Lukaku, mentre in difesa spazio al terzetto che già ha annullato Dzeko e compagni: Wallace e Bastos ai lati di de Vrij.

Ore 20.45: pronti, via!