ULTIM'ORA

Beffa Roma, Milan a pezzi, Gasp resuscita il Genoa.

serie-a-dodicesima-giornata-la-roma-pareggia-1-1-col-sassuolo-milan-0-0-col-chievo-160-

di Paolo Paoletti Jr - Un altro pareggio, stavolta beffa. La è raggiunta al 91° da Berardi dopo l’auto di Longhi al 19′.
Al è crisi profonda: 0-0 col Chievo in 10 per l’espulsione di Montolivo. rifiuta il cambio nel finale. Berlusconi ha evitato la trasferta per non sedersi a dopo il faccia a faccia con Silvio.
Vince il Cagliari: doppietta di Conti per il 2-1 al che aveva pareggiato con .
Tre punti anche per l’, 2-1 al Bologna al 92′ con Livaja dopo i di Brivio e Bianchi.
Parma-Lazio 1-1: la cosa èpiù bella è il del 18enne Keita prodotto dalla cantera del Barça. Lucarelli pareggia.

Nell’anticipo delle 12.30, il Genoa batte 2-0 il Verona e conquista la terza vittoria consecutiva in campionato.
La squadra di Gasperini va in vantaggio con Portanova su un corner (29′) e raddoppia al 35′, con un altro colpo di testa di Kucka.
I veneti nell’ultimo quarto d’ora colpiscono un palo con Toni, ma la partita non si riapre.

METAMORFOSI. Gasperini batte anche il Verona forte ci 5 vittorie nelle ultime 6 partite prima di Marassi.
Il Grifone è cambiato: bada al sodo, macina punti, risale la classifica.
Cosa ha fatto Gasp?
1 ha blindato la difesa, zero nelle ultime 3.
2. ordinato difesa e centrocampo.
3. dato autostima al gruppo.
La fiducia paga: la squadra ora gioca con pazienza, costruisce l’occasione giusta, affonda mortalmente.

VOTI.
Kucka 7,5. Largo a sinistra, quando ha campo diventa inarrestabile. Segna il suo secondo consecutivo dopo quello in casa della Lazio, è prezioso anche in fase difensiva.
Matuzalem 7. Triplo lavoro per il brasiliano, che deve sopperire alla giornata negativa del col Cofie. Il brasiliano crea gioco, filtra e serve due assist che valgono i due rossoblù.

Cofie 5. Completamente disorientato nel primo tempo, quando perde una serie infinita di palloni ed è sempre nella posizione sbagliata. Ha meno paura nella ripresa, ma rimane decisamente insufficiente.
Iturbe 4,5. Giornata da dimenticare per l’argentino, incapace di saltare l’uomo e completamente estraneo alle manovre del Verona.
Romulo 7. Migliore in campo tra i veneti. Ruba mille palloni e si propone anche in appoggio alle punte. Continuo e dinamico, è l’ultimo ad arrendersi.

TABELLINO. GENOA-VERONA 2-0
Genoa (3-4-3): Perin 7; Antonini 6, Portanova 7, Manfredini 6,5; Vrsaljko 6,5, Cofie 5, Matuzalem 7 (16′ st Lodi 6), Antonelli 6 (6′ st Marchese 6); Kucka 7,5 (44′ st Sampirisi sv), Gilardino 6, Fetfatzidis 6,5.
A disp.: Bizzarri, Tozser, Sampirisi, De Maio, Biondini, Sturaro, Centurion, Bertolacci, Calaiò, Stoian, Konatè. All.: Gasperini 7,5

Verona (4-3-3): Rafael 6; Cacciatore 5 (15′ st Cacia 6), Gonzalez 5,5, Maietta 6, Agostini 6; Romulo 7, 6, Hallfredsson 6,5 (29′ Donati 5,5); Iturbe 4,5 (26′ st Martinho 6,5), Toni 6,5, Jankovic 6.
A disp.: Mihaylov, Albertazzi, Bianchetti, Moras, Laner, Marques, Sala, Donadel, Longo, Cacia. All.: Mandorlini 6

Arbitro: Cervellera
Marcatori: 29′ Portanova (G), 35′ Kucka (G)
Ammoniti: Cofie (G); Gonzalez, Cacciatore (V)