ULTIM'ORA

Rog, Nazionale croato che Sarri non ‘vede’!

rog.napoli.nevica.2016.2017.750x450

di Nino Campa - “Mi fido di lui, può dare molto alla ”… non si è fatto ingannare Cacic, Cittì della Croazia che continua a convocarlo. Sabato contro l’Islanda, Rog ha fatto panchina anche tra i suoi che hanno vinto 2-0. Ma il giocatore è parte integrante del gruppo, sostituto di Modric, la scorsa partita, in mezzo a compagni fortissimi che fa della a scacchi un serbatoio infinito di talenti, pronti a mettersi in vetrina a Russia 2018.
Rog, appena 22 anni, si è già fatto noe agli e punta sui che significa dover giocare nel Napoli. O altrove!
Non può durare di più infatti l’apprendistato predisposto da Sarri e gli ordini di De Laurentis vogliono il via libera al suo utilizzo.
Sarri dovrà trovare tempo e modo per lanciarlo, magari anche a Udine pma di decisiva nel mese in cui è in gioco.
Rog ci spera, ma il tecnico finora non gli ha concesso nemmeno un minuto: panchine e tribune.
In chiamato a spiegare la naftalina, Rog ha provato a spegnere il ‘caso’, dando più volte una versione accomodante. Ma non è così!
Prima c’era l’inserimento negli schemi, poi la comprensione del no sottolineata da Sarri dopo la sconfitta di Bergamo… “Rog? Deve ambiensi, se aiamo dato sei mesi a …”.
Era il 2 ottobre, più di 30 giorni fa; ma di Rog nel Napoli di Sarri non c’è traccia.
L’ultimo limite, magari una scusa non valida per Milik, è la lingua, parlata e compresa a fatica dal croato.
Fin quando potrà durare?