ULTIM'ORA

Ridicoli: ritiro di una notte, chi idea queste buffonate?

bambino-san-paolo-lacrime

di Paolo Paoletti – Questa storia del ritiro volontario dei giocatori del durato una notte è l’ultima ridicolaggine di una squadra e di una società fuori controllo!
Ancor più ridicoli sono i commentatori che provano a giustificare il tutto!
I ritiro servono… servono oggi come anni fa! Personalmente non sono un favorevole a questa pratica, ma in alcune circostanze è uno strumento utile.
Ovviamente è una ammissione di colpa di tutte le componenti che concorrono alla costruzione di un risultato: , allenatore, giocatori.
Se bisogna ricorrere al ritiro per capire meglio, per chiarire meglio, per motivare meglio, per ottenere di più significa che la normale attività di lavoro è deficitaria.
Ancelotti, sbagliando, disse almeno che non era favorevole…almeno non ammise che il suo lavoro faceva cca.
I giocatori rifiutarono l’imposizione di De Laurentis dandosi una enorme zappa sui piedi.
Non solo per l’insubordinazione, quanto per i risultati che ne sono conseguiti.
Del flop il primo responsabile è il cinepresidente: sbagliato, ancor di più la gestione dei rinnovi, la scelta del tecnico (Ancelotti) reputato poi inappropriato fino all’. Scelta di un nuovo allenatore – nono in 15 anni – Gattuso, che fa peggio del predecessore!
Ma Ancelotti, Gattuso ed i giocatori non sono da meno.
Come lo staff medico, seppur privato del dottor sacrificato agli essi della famiglia di Carletto!
I giocatori troveranno sempre nuove destinazioni. I tecnici, se ben rappresentati da agenti di livello, daranno corda alla giostra del cambiare tutto per non cambiare niente, De Laurentis continuerà a mettersi i soldi in tasca, privileggiando l’arricchimento personale ai risultati sportivi.
Chi paga veramente sono i . Tutti. e non.
A - 0-2, erano presenti 22.219 spettatori per un incasso di 468.365 euro, compreso abbonati.
Tra questi c’era il bambino scoppiato a piangere al secondo gol . Chi ripaga nueste buffoinate?oi tutti di tutto questo?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply