ULTIM'ORA

Renzi lancia Roma 2024: si fa sul serio!

olimpiadi-roma-2024-attesa-per-lannuncio-della-candidatura_94a7c714-9be3-44b4-b942-0b864fe3e4c1

di Romana Collina - Il tempo degli indugi è finito: l’ è ufficialmente candidata a sede dei giochi opici 2024. Ad annunciarlo il premier Matteo Renzi durante la cerimonia dei Collari al Coni.

L’ si candida alle Opiadi del 2024, con Roma al centro del progetto, “e non lo faremo con lo spirito di De Coubertin, per partecipare: lo faremo per vincere, statene certi”, ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, nel corso della cerimonia.

“L’ – ha detto ancora Renzi – troppo spesso sembra rassegnata: si può anche perdere, ma quello che non è accettabile è rinunciare a giocare la partita, ranati. Abbiamo tutte le condizioni per ambire all’”.

”L’ ha tutte le condizioni per mettersi in gioco: non e’ una questione di colore politico, sono le istituzioni che devono tornare a puntare in alto, ha detto Renzi. “Se ci sono i problemi dobbiamo affrontarli e risolveri, senza permettere l di impedirci di sognare. Ogni atleta quando parte sa che non sara facile, se aspettasse la facilita non farebbe l’atleta”. ”Con lo stesso spirito – ha proseguito il premier, parlando nel salone d’onore del comitato opico no – annuncio che assieme al Coni saremo fianco a fianco perche’ di qui al 2015 l’ presenti la sua candidatura ai GIOchi del 2024. E’ una candidatura che ci riempe il cuore di emozione, di orgoglio, di difficolta’: sarà la struttura più all’avanguardia nel mondo, il made in Italy è all’avanguardia”.

”Saremo all’avanguardia nel sistema tecnico di controllo della spesa – ha promesso Renzi – nel progetto che sarà incentrato su Roma Capitale, come ovvio che sia, poi spetterà al Coni e alla squadra tecnica di Giovanni Malagò con le sua qualita’, riuscire ad allargare il cerchio: immaginiamo un raggio d’azione per essere credibile e vincere, ci metteremo città che più potranno aiutare e mettere la candidatura nelle condizioni di vincere, a cominciare da quelle nel raggio di Roma, , e la Sardegna”.

”Faremo di tutto – la conclusione del premier – perchè questo progetto sia di primissimo piano. Può succedere di non vincere, puo’ succedere di non farcela, ma quel momento ci deve trovare vivi. L’esempio e’ Alex Zanardi che ho qui al mio fianco. Voi sapete che il sino impegno su ogni punto ci rende persone, donne e uomini, non numeri o codici fiscali. Il governo no è pronto insieme al Coni alla propria parte, non per un progetto campato in aria fatto di grandi infrastrutture di grandi sogni ma di grandi persone. Perchè lo in e’ un modo di vivere e guardare al futuro. Non so se ce la faremo, anche se non sono convinto: ma la candidatura alle Opiadi sarà una delle cose più belle da fare per i nostri figli, per noi, per l’”.

Dopo mesi di lav sottotraccia, il premier e il presidente del Coni Giovanni Malagò escono finalmente allo scoperto nel corso della cerimonia di consegna dei Collari d’ al merito ivo che riunisce al F Italico i campioni azzurri e sarà trasmessa in diretta tv.

“Compatibilmente con la flessibilità che è stata adottata dal Cio attraverso le nuove norme approvate a questa settimana, finalmente possiamo sognare in grande tutti insieme: il Coni, il Governo, Renzi e l’”, aveva detto soddisfatto Malagò alla vigilia dell’annuncio su Roma 2024. Anche se a candidarsi sarà la Capitale, i nuovi criteri stabiliti dal Cio, oltre a rendere le future opiadi più sostenibili a livello economico (la faraonica edizione di Pechino 2008 è ormai un ricordo), offriranno una maggiore flessibilità al Paese ospitante che potrà dislocare le diverse discipline in varie città. “Le parole di Renzi rendono orgoglioso lo in . Sarà un giorno importante per tutti, per Roma, per , per , per la Sardegna, ma anche per il Nord che ha in Milano un punto di riferimento irrinunciabile”.

Il futuro dirà se le parole di Malagò sono già un’indicazione di possibili sedi associate. Nel settembre 2017, a a, si saprà se il sogno opico potrà diventare realtà. Ma prima ci sarà da lavorare molto. L’inchiesta ‘Mafia Capitale’ che ha scosso la politica romana rischia, infatti, di far partire questa candidatura già zoppa.

Il compito del Governo e del Coni sarà quello di renderla il più trasparente possibile e di convincere gli stessi ni che riportare i Giochi in dopo 64 anni è un’opportunità di sviluppo e “uno spot per il Paese”. Alla faccia dell’ex premier Mario Monti che due anni fa stoppò la candidatura del 2020. E non è un caso che domani, a Palazzo H, saranno presenti diversi membri dell’Esecutivo, tra cui ovviamente il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con de allo Graziano Delrio. E forse non è un caso neanche che, prima della cerimonia, Renzi abbia chiesto a Malagò di poter incontrare Giovanni Maddaloni, padre dell’opionico Pino, che a Scampia gestisce una palestra e insegna judo ai ragazzi disagiati del ere delle Vele: il messaggio e’ chiaro, è questa l’ che meriterebbe di vincere. E non soltanto i Giochi del 2024.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply