ULTIM'ORA

Rejna, finalmente un leader: DeLa ha detto bugie, Sarri parla in faccia!

RADUNONAPOLI-REINA-FOTOCUOMO

di Paolo Jr Paoletti - e Reina, un legame dif. Ripreso dopo 1 anno di separazione anche senza e senza . Il desiderio di tornare a è stato più forte di , anche dei litigi con De Laurentis ovviamente per soldi!
“Qui so cosa trovo e sono nto di questa opportunità, per la città e per il club. A Monaco di Baviera sono stato bene. Però è dura quando non si gioca, ti permette di apprezzare quello che avevi prima. Sono felice che il mi abbia voluto di nuovo. Una volta che arrivi a e impari a conoscerla, la accetti e la apprezzi per quello che è: fantastica, caotica, anche folle. Quella follia che un giorno ti può far dire basta ma te la fa amare rendendoti felice”.

De Laurentis e Reina si erano sbugiardati a distanza, per le bugie del cinepresidente…adesso: “Il rapporto col presidente è davvero buono. Disse una bugie asserendo che mia moglie non stava bene a . Chiarii con un tweet ma sistemammo subito la questione e ora abbiamo fatto la cosa migliore, unire le nostre forze e lavorare insieme per il bene del . Sarri? Va per la strada giusta, dice le cose in faccia, come me. Gli ho detto che potremmo avere dei diverbi, ma preferisco dire sempre ciò che penso ogni giorno. E’ il mio modo di affrone la vita e mi sembra che il mister la pensi allo stesso modo. Quindi benissimo così”.

Da leader appena investito ufcialmente dal tecnico Rejna affronta il delicato tema Higuain che ha fallito nei momenti decisivi della stagione: “Gonzalo è un fuoriclasse. A un giocatore che segna 30 gol a stagione non credo si possa chiedere di più. L’anno scorso è mancata la continuità. E la forza di sfrute il calo vistoso della Roma, non riuscendo mai a sfrute l’occasione per accorciare le distanze. Ma alla ne il ha sbagliato due partite importanti. Con più fortuna, all’andata col Dnipro, nisce 4-1. E con la c’è stata la possibilità di andare in all’ultima giornata”.

Quindi Rel e Andujar che lo hanno fatto rimpiangere: “Il portiere è un ruolo ingrato. Basta esserne consapevoli, saper reagire alle difcoltà, rese lucidi. L non hanno fatto male, semmai è tutta la squadra che ha avuto difcoltà. I più bravi della mia generazione? Buffon è stato super, come Casillas, Kahn, Julio Cesar. Il mio mito era Molina. Oggi il migliore è Neuer”.