ULTIM'ORA

Rafa verità: il club cresca, campioni, poca personalità!

C_29_articolo_1029730_upiImgPrincipaleOriz

di Paolo Paoletti - R sa che ciò che accade in questi 2 mesi deciderà il futuro del e quello personale. Sceglie la vigilia del Torino per dire tutta la verità.
“Ora abbiamo campioni importanti e dobbiamo fare bene per attrarne altri. Cresciamo come società e i calciatori forti vorranno venire da noi”. Toro? “Squadra difficile da affrontare”.

Come si cresce in società? E’ evidente che l’inesperienza di Riccardino sia un problema e l’arroganza di ancora peggio. Come risolvere…
“Manca tempo e continuità. Manca qualche giocatore importante, I leader aiutano l’allenatore a vincere”.

Ecco spiattellata la verità. Che suona avvertimento prima della partita di Torino. Decisiva. Perdere significherebbe annullare la vittoria con la : “Arriviamo al Torino in buone condizioni, sarà una partita difficile perché è squadra non facile. Se giochiamo concentrati possiamo battere chiunque”.

E qui casca l’anino. Perchè il stenta a mantenere la tensione, non riesce ad essere continuo, non esprime il salto di qualità?
In queste lacune c’entra molto . Non riesce ad incidere nella testa dei giocatori, non ha trovato la chiave per ottenere il massimo dai singoli.
Hamsik è un ectoplasma, la difesa sbanda, il centrocampo balbetta… se e Callejon non segnano la squadra è da centro classifica.

A O il centrocampo è fallito. “Nel primo tempo non abbiamo fatto bene, nel secondo meglio e dobbiamo ripartire da lì al . Daremo il 100%, possiamo vincere ma non sarà facile”.

Jackson Martinez ha segnato, no… “Non parlo dei giocatori delle altre squadre. Zapata? Condivido l’idea della società di avere un o positivo ogni anno. Abbiamo giocatori importanti dobbiamo renderli felici. E attrarre nuovi calciatori forti”.

Per attrarre grandi giocatori non basta il terzo posto.
“Abbiamo una possibilità storica da oggi in avanti. Dobbiamo garantire la per attrarre nuovi campioni. E crescere come società”.

Hamsik, che succede? “Oggi è un giocatore diverso rispetto al passato perché non ha più al fianco Lavezzi e Cavani con cui si trovava benissimo. Deve avere più personalità, reagire, prendere responsabilità. Ha le possibilità per farlo”.