ULTIM'ORA

Rafa, la storia: ora ogni lasciata è… DeLa cacci i soldi!

benitez_1729030a

di Paolo Paoletti - Il 2-2 contro il Wolfsburg al San Paolo conferma una semifinale guadagnata in Germania ed i problemi strutturali azzurri mascherati dalla forma del rombo d’attacco. R porta a casa un passo avanti importante in e due indietro con De Laurentis.

In League, seppur lontana dai soldi , ha rinvigorito le tasche del cinepresidente con 4.3 milioni di euro: 1.3 dall’accesso ai gironi, 800mila euro per le vittorie ottenute e 100mila per l’unico pari.
L’accesso ai sedicesimi è valso 600mila euro, m350mila gli ottavi, 450mila per i quarti e infine 1 milione per la semifinale.
Esclusi botteghino e market pool.
Il vero grande incasso arriverà dalla possibile vittoria finale del torneo, che varrebbe la League, e i ricchi premi messi Uefa.

L’ultima semifinale europea del risale a Diego 1988-89, concluso con il trionfo in Coppa Uefa. Allora non c’erano tutti questi soldi.

Ieri dopo i gol di Callejon e , entrambi ispirati da Higuain, in due minuti la formazione di Hecking pareggia con Timm Klose e Perisic.
si arrabbia, ma il risultato non cambia più e comincia la ‘festa’: dopo 26 anni il è semifinaleista in .

Negli spogliatoi si torna alla realtà:
1. Hecking in conferenza stampa accredita l’impresa: “Faccio i miei complimenti al e a . Hanno meritato, il divario è troppo alto”.
Come è possibile che una differenza così schiacciante con la seconda in classifica della , sia da quarto posto in serie A?

2. non molla: “basta col ritiro, sono cose da anni settanta. Voglio vedere il business plan se è buono, ne parlo con la mia famiglia. De Laurentis mi deve dire se vuole continuare ad avere utili di bilancio o provare a vincere”.

Ecco il punto. lo utilizza a uso e consumo, ha prova che De Laurentis non vuole vincere. Non lo ha fatto per 2 anni, tradendo le promesse che spinsero lo spagnolo ad accettare , perchè farlo adesso?
Perdere significherà vita dura per chi verrà e idee chiare tra i si: con questo cine-presidente, si può vincere il derby del cinema, non lo scudetto.
Klopp è una chimera, Mihajlovic sta già sudando. Altri sono fuori radar…

Ma il problema non è fuori ma dentro il . Il problema è De Laurentis che col ha sistemato la Filmauro e preferisce intascare 10milioni di stipendio e 20 di utili ma non impegnarsi con Top Player.
La città è stizzita, i media fanno finta di niente, si vive alla giornata strumentalizzando esaltazione e depressione massime.

Questo non è calcio e lo spettacolo lo si fa male in tv, non in campo. Da conniventi non si aiuta il , sopratutto si tradisce i napoletani. dopo l’impresa , non ha mollato di un niente: vuole le prove che ha un senso restare. Anche solo per 1 anno.
De Laurentis come ne uscirà?

Come fatto per liquidare Quagliarella, Lavezzi Mazzarri e Cavani: traditori, vecchietti, mangiatori di soldi.
Più diffi con che ha fatto i suoi errori, ma non è un pivello. Anche nella comunicazione.
Ad oggi, non ci si può acntare di un quarto posto e la semifinale di League. Contano poco la Supercoppa e la coppa Italia vinte.
Ma nessuno può garantire che chi verrà farà meglio!

Quindi, la storia non sempre si ripete. Ed allora, caro R ogni lasciata è persa!!!
La morale è una sola: la storia non sempre si ripete

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply