ULTIM'ORA

DeLa-Rafa, ferri corti e l’Uefa celebra il ‘Maestro’.

Benitez-e-Higuain

di Paolo Paoletti - Brutta tra e Benitez: il primo fa filtrare che ha cercato Klopp, vecchio ‘fumus’; il secomdo dice ad Hurriet che la Turchia tra Besiktas e gli sta a pennello: “pagano molto bene…”.

Vista dall’estero è tutt’altra cosa. L’Italia becera del Pallone non sfugge dal destino del Paese e il sito UEFA tira su Rafa Benitez.
Rafa è definito ‘il maestro’ e l’UEFA ricorda: “In questa edizione potrebbe diventare il secondo tecnico, dopo Giovanni Trapattoni, ad aver vinto la Coppa UEFA o la UEFA Europa League per la terza volta”.
Benitez l’ha già vinta nel 2013 col Chelsea e nel 2004 col . Ma come mai un Maestro non ha ancora vinto lo ?

Ferlaino l’unico presidente ad averlo vinto a Napoli spiega: “Non basta avere il nome che inizia per ‘B’ come Bianchi e Bigon per vincere uno , è una questione di tante combinazioni. Esistono molte squadre forti, ma per fortuna non vince sempre il più quotato: qualche possibilità c’è sempre per tutti. Domenica la Juve ha giocato maluccio, senza Tevez ha faticato. Cosa ha portato Maradona? Avevamo qualcosa di perdente nel nostro animo, con Diego invece è cambiato tutto: ha dato la mentalità vincente alla Società e ai giocatori. Prima del suo arrivo, non avevamo mai fatto risultato in casa della Juve, avevamo di vincere”.

La campagna Uefa pro-Benitez continua così: “E’ uno dei tre allenatori dei sedicesimi ad aver vinto la UEFA Europa League da quando la competizione ha assunto il formato attuale. Con lui solo ci sono il tecnico dello Zenit, André Villas-Boas vincitore col FC Porto, 2011 e Unai Emery che ha trionfato lo scorsa anno col Sevilla“.
L’Europa League può salvare ‘il Maestro’ e il Napoli. Benitez ha puntato tutto sull’Europa, 9 partite, 4 sfide da 180′ e la finale. Si può fare e ci può stare, più del campionato che invece preme a per i diritti tv della A e dell’eventuale Champions.
L’Europa ha rilanciato il patto tra Rafa e Higuain: l’argentino punta la classifica cannonieri ma un trofeo internazionale avrebbe lo stesso impatto sulla dove non è più titolare fisso dopo il ritorno di Tevez.
La batosta di Palermo ha ribadito i buchi della rosa: la competitività in attacco consente rotazioni senza scossoni, dietro è pericoloso alternare i giocatori in rosa.
In Turchia giocherà Henrique, voleva tornarsene in Brasile: molti sono stufi di vivacchiare tra titolari e riserve. Non è certamente David Luiz adattabile anche a centrocampo ma chi pensava il contrario è un folle.
Sorridente e quindi speranzoso Mertens, mentre che ha estimatori in Turchia è appeso a un filo…
Napoli, , Inter, Fiorentina e Torino: agli ottavi un derby è quasi certo e il Napoli considera alla portata tutte le italiane in lizza.
Si sarebbe così già ai quarti, dove comincia il bello. E addio campionato.
L’Europa è affascinante quanto pericolosa: può lasciare a mani vuote la stagione dei grandi rimpianti.
Accadde alla Juve fatta fuori dal Benfica dalla finale che si sarebbe giocato allo . Ma i bianconeri ammorbidirono la delusione col terzo !
Il Napoli è in bilico: tra il secondo posto e il quarto ballano 9 punti e 30 milioni di euro. Benitez se la ride rimandando tutto a fine campionato, trema e cerca un sostituto…
Il cine-presidente sta cercando Jurgen Klopp che non gli risponde nemmeno. Ha un contratto scadenza 2018 e per cortesia declinerà ogni ipotesi.
DeLa vorrebbe un altro Guru come il tecnico del Borussia Dortmund, successore dello tecnico spagnolo. E aspetta di parlare personalmente con Klopp, per capire se c’è uno spiraglio. Diffi, se non impossibile, cioè una finta…
Benitez per l’Uefa resta ‘il Maestro’, ma lo scrivono solo a Nyon.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply