ULTIM'ORA

Rafa boccia Cenzo, 0-1: non è da Napoli. Benitez 3°!

montella-benitez

di Paolo Paoletti - Benitez boccia Montella, non può essere lui il suo successore! Fiorentina- 0-1, azzurri soli al terzo dopo 11 partite. Rammarico per la brutta partenza di stazione ma 8 risultati utili consecutivi rimettono in carreggiata la seconda stagione del tecnico spagnolo.
Merito della sua nuova flessibilità: Henrique al posto di Higuain è cambio tutto no, era ora.
Fiorentina- ha dimostrato chiaramente che chi vuol giocare puntando al possesso palla, deve avere una difesa di ferro. Il ha tenuto inviolata la porta per la terza partita di seguito. Quella Viola di burro, invece, è costata un’altra sconfitta, ancora contro il bestia nera sopratutto al Franchi.
“Sappiamo soffrire” dice Benitez, che aggiunge: “con altri 3 punti vediamo…”.
Ha deciso Higuain al 62′, utilizzando prontamente una fesseria di Tomovic. Con questa il completa la rincorsa al terzo posto: -7 dalla sono ancora troppi, ma la mediocrità del campionato no fa seprare.

Successo meritato, risultato molto importante: il ha fatto certamente più dei viola, Benitez molto meglio di Montella che ha accettato la sfida del possesso palla perdendola. Avrebbe potuto salvarlo solo Gomez il quale all’80′ appena entrato ha colpito la traversa a Rel battuto. Uno spunto da campione che Koulibaly si è visto passare avanti come un fulmine.
Il centrale del ha salvato il risultato al 44′ opponendosi ad un sinistro di Pasqual a portiere ancora battuto.
Buone notizie dal campo, brutte dall’infermeria: infortunio a Insigne, uscito dopo 20′: problemi al ginocchio destro.

LA GARA. Il è in buona salute e ‘sente’ il terzo posto. La Fiorentina cerca una serata di felicità dopo il 3-0 all’Inter, ma è sempre tra alti e bassi.
Montella si presenta con il 4-3-3 ‘aggressivo’: Ilicic e Cuadrado ali con Babacar centravanti.
E il senso della partita che perde subito mordente dopo 15-20 minuti.
Higuain e due volte Insigne cercano il gol dai 16-20 metri, brividi per Neto. Un tiro lungo e veemente di Babacar è la sola risposta viola.
Bella partita? Proprio no.

Un brivido al 21′ su innocuo contatto Ilicic-Insigne: Lono cade male e si capisce subito che è grave.
Portato a braccia, dopo 3 minuti entra .
Benitez non cambia registro: Borja Valero e Aquilani controllano il possesso-palla, cercano Cuadrado ma senza far male.
Il è più sbrigativo, e sul finire del tempo Hamisk sbaglia il tocco decisivo per mandare in gol Callejon e proprio al 45′ Higuain trova in mezza girata il gol. Inutile è in fuorigioco.

Cambia Montella, nella ripresa: Cuadrado a destra e Ilicic a sinistra, per evitar loro qualche disagio di troppo patito nel primo tempo. Benitez rimane fedele allo schema di base, con che da vice-Insigne cerca di dare il meglio. Un cartellino giallo a Savic, per una entrata da paura su Jorginho al 7′: Valeri è un buonista, avrebbe meritato il rosso.

E dopo un’ora, la svolta del match: Rel è strepitoso nel deviare un diagonale-gol di Cuadrado. Subito dopo è che si vede deviare la palla-gol da Neto. Sono i momenti “caldi” di questa sfida, tutti in rapida successione, e al 17′ tocca a Higuain cambiare il corso della serata: pallone da destra e rasoterra di Maggio, l’argentino si avventa e calcia, imparabilmente, dai dieci metri. Molto bello, molto da Higuain. in vantaggio e diciamo pure con merito. E terzo in classifica.

Montella ha bisogno di un qualcosa in più, là davanti. Entra Pizarro (fuori Aquilani) poi spazio a Gomez poco prima della mezz’ora, Ilicic esce e i fischi si sprecano: non a torto. Benitez risponde con De Guzman, l’eroe della tripletta in , per che tanto ha fatto e parecchio ha sbagliato.
E proprio Gomez, al 35′ st di testa, su un perfetto cross di Cuadrado torna a essere… Gomez: splendida girata aerea, Rel è battuto, ma la traversa respinge quel pallone dell’1-1. Il è un po’ sulle gambe, soffre questa ripartenza viola nel finale. Ma ha difensori e muscoli per ribattere anche gli ultimi assalti. Tre punti d’oro, la rincorsa degli azzurri al terzo posto si completa. Per la Fiorentina la quota 13 (punti), e le amare sensazioni di questo autunno. Ma ora c’è Gomez in più: se quella traversa è un segno del ritorno.

TABELLINO. FIORENTINA- 0-1
Fiorentina (4-3-3): Neto; Tomovic, Gonzalo Rodriguez, Savic, (38′ st Pasqual); Mati Fernandez, Aquilani (20′ st Pizarro), Borja Valero; Ilicic (28′ st Gomez), Babacar, Cuadrado. A disp: Tatarusanu, Richards, Basanta, Lazzari, Badelj, Kurtic, Var, Marin, Joaquin. All. Montella
(4-2-3-1): Rel; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; David Lopez, Jorginho; Callejon, Hamisk (30′ st De Guzman), Insigne (24′ ); Higuain (40′ st Henrique). A disp: Andujar, Colombo, Gargano, Mesto, Britos, Inler, Radosevic, Zapata. All. Benitez
Arbitro: Valeri
Marcatori: 17′ st Higuain (N)
Ammoniti: Ilicic, Savic (F), Koulibaly, Jorginho, Henrique (N)
Espulsi:
Note:

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply