ULTIM'ORA

Positivo a 14 anni: fermate il ciclismo!

url

di ANSA - Doping, frontiera del male. Inferno se ci capitano poco più che bambini…
Un test di ‘Nado ’, apprende l’Ansa, ha infatti trovato positivo al Mesterolone (potente anabolizzante) un ciclista di appena 14 anni. Il controllo è stato effettuato in occasione di una gara regionale. L’atleta è stato subito sospeso dal tribunale antidoping del .
“Ricorrere al doping nello è già qualcosa che ha a che fare con il crimine; in un caso come questo, siamo di fronte ad un crimine contro l’umanità”. Non ha timore di accostamenti arditi, Carlo Tranquilli, medico ivo esperto in materia di lotta al doping, che commenta al telefono con l’Ansa il caso del ciclista 14enne trovato positivo ad un test della Nado effettuato in occasione di una gara regionale.

“È – insiste Tranquilli, presidente della sezione della Federazione medici ivi (Fmsi) – Qui siamo ben oltre il delitto ordinario. Una cosa fuori da ogni logica, che è in ogni caso perversa già di suo. Ma di fronte ad un bambino, perché a 14 anni siamo di fronte praticamente ad un bambino, il quadro si fa davvero inquietante. Ormai anche a livello le il doping è così fortemente radicalizzato. Ebbene, ciò vuol dire che quei bambini hanno intorno delle vere e proprie organizzazioni criminali”.

La sostanza rilevata dal test sul ssimo atleta è il Mesterolone. “È un anabolizzante che da’ problemi collaterali micidiali – spiega Tranquilli-. Somministrarlo ad un 14enne vuol dire rovinarlo nel pieno della sua crescita, perché ciò potrà avere ricadute ormonali, a livello sessuale, cardiovascolari e potenzialmente anche tumorali. E questo fin dal primo utilizzo, non sono rischi che insorgono solo dopo un uso prolungato. Perché a quell’età un bambino è ancora in fase di sviluppo e quindi si va ad incidere negativamente su quel ”.
Già più di dieci anni fa Tranquilli denunciava la facile reperibilità delle sostanze illecite su internet. Di fronte ad un fenomeno che, evidentemente, si è ulteriormente sviluppato, quali sono le contromisure che potrebbero e dovrebbero essere adottate? “Ogni campagna educativa – risponde Tranquilli – si arena davanti alle reali possibilità di un bambino di difendersi da chi ha intorno. Quindi, l’unica via d’uscita è pune sul ruolo delle famiglie e della . Chi ha responsabilità educative deve insistere sul senso originario dello : non si può insegnare solo a pedalare e a correre, ma anche l’etica e lo spirito sano di ogni disciplina. Chi lavora con i bambini deve riflettere su questo aspetto, altrimenti lo muore. E purtroppo rischiano di morire anche molti di quelli che lo praticano senza rispetto delle regole…”.