ULTIM'ORA

Pippo, morte lunga! Tagliavento da 3, Mister B incombe.

C_29_articolo_1061685_lstParagrafi_paragrafo_0_upiImgParOriz

di Nina Madonna - game over e rigore the end! La sul Cagliari allunga l’agonia di Pippo Inzaghi e la del che nè Berlus, nè Galliani possono risollevare!
Incredibile che Menez sia capocannoniere, dimostrando che gli errori di assemblaggio e di gestione della stagione vanno al di là del rendimento mediovre dei singoli…

Tagliavento merita 3 in pagella: con quale faccia continua a fare regali al ?
Tra incompetenza e malafede non c’è più dubbio: il fallo di Ceppitelli su Cerci al 77′ è nettamente fuori area. Rigore inaccettabile!
L’ è a 1 metro e qualche minuto prima c’era stata una protesta del Cagliari per Sau che cade dopo un tocco di Paletta. Se Tagliavento avesse concesso il rigore al Cagliari non c’era da stupirsi…

La Reblica, invece, sputa sulla trattativa tra Bee Taechaubol e Fininvest per l’acquisizione del club rossonero. Graduale.
I consulenti del magnate thailandese stanno studiando i conti societari e già ad aprile potrebbero esserci novità. Tutto dipenderà dall’analisi dei , ma la trattativa ormai sembra molto avanzata almeno per la prima trance da 250 milioni.

Da una decina di giorni a o è in corso un’accuratissima analisi finanziaria attorno al . I manager di Mr. Bee stanno studiando ogni singola voce dei societari e facendo un lungo inventario. Dai documenti catastali di ello allo stipendio dei giocatori, passando per le retribuzioni dei magazzinieri e di tutte le persone che fanno parte della famiglia rossonera. Un lav dettagliato, volto a definire l’effettivo valore del club (inizialmente stimato in 980 milioni di euro). Si tratta di un momento delicato della trattativa, già prevista dall’accordo firmato ad Arcore tra Berlus e Mr.Bee.

L’obiettivo di questa prima fase sarebbe finalizzato all’ingresso di una cordata asiatica nel capitale del club, per portare denaro fresco nelle casse rossonere. La scadenza inizialmente era stata fissata per maggio, ma l’accordo potrebbe essere anticipato già ad aprile. Tutto dipenderà da quando il magnate thailandese porterà le credenziali bancarie a sostegno dell’investimento (250 milioni).

Poi si aprirà una nuova fase, sia per il che per Mr.Bee, ormai sempre più convinto del progetto e desideroso di coinvolgere nella scalata rossonera anche imprenditori cinesi e arabi. Il modello è quello proposto da Ecclestone con la , capace di coinvogliare denaro da tutto il mondo, facendo crescere e rendere anche in mercati lontani e poco valorizzati un marchio globalizzato. L’obiettivo di Mr.Bee è molto ambizioso e per portarlo a termine serviranno tempo e denaro. Per capire se fa sul serio i tempi sono maturi. Tra aprile e maggio si attende il primo passo.