ULTIM'ORA

Pino Capua contro il CTS? E’ istigazione dolosa all’epidemia!

BOz5_J-CUAAzZeG

di Paolo Paoletti - “Basta un solo positivo e si ferma tutto. A queste condizioni il non parte”. Pino Capua, presidente della commissione antidoping e membro della commissione medica della federcalcio, critica aspramente le prescrizioni ricevute dal CTS e scopre le carte sull’impossibilità per i club di osservarle e quindi bloccare ogni progetto di ripartenza del calcio!

“Se non si trova una soluzione, il non parte. Il modulo tedesco è assolutamente percorribile, non capisco perché non farlo anche in , il CTS ha messo i bastoni tra le ruote”.

“L’obiettivo di tutti è quello di far ripartire il calcio, sedendoci ad un tavolo e ragionando, una soluzione si trova. Sono estremamente convinto che la presenza di un’associazione precisa con tutti medici che lavorano nel mondo del calcio, sia indispensabile. Parliamo di un argomento delicatissimo, in questo periodo d’emergenza non si deve tralasciare nulla”.

A Pino Capua rispondiamo con l’vento di Anthony Fauci, consigliere della Casa Bianca per il cnavirus parlando al Congresso degli Stati Uniti.

“Sono state stabilite delle tappe, linee guida, se saltiamo i protocolli rischiamo epidemie multiple e incontrollabili. Ciò non si tradurrà solo in sofferenza e morte, ma ci allontanerà dal ritorno alla normalità. Se non agiamo tutti insieme e ignoriamo le linee guida la situazione, già oggi pessima, potrà peggiorare in autunno o in ”.

Fauci si basa solo su evidenze n qui disponibili, in base alle quali dice che “il virus esiste, non solo qui, in ogni parte del globo. Non saremo mai al sicuro nché non sarà scontto. Cerco di essere realistico. Anche per quanto riguarda il ritorno a scuola dei ragazzi. Il problema non è quando, ma come. Doiamo mettere gli studenti al sicuro. Io sono uno scienziato, il mio compito è chiarire la situazione sanitaria, non mi occupo di economia, non ho risposte sulla situazione economica. So che non conosciamo niente di questo virus. Non sappiamo neanche cosa faccia ai bambini. Volete farli tornare a scuola, ma non sappiamo se siano immuni. Anzi. In ora ci sono casi su bambini con sintomi che non aiamo circoscritto, né siamo riusciti a studiare. Sappiamo che presentano sintomi molto simili alla sindrome di Kawasaki”.

Gentile Capua ma chi si paga per tutti gli oltre 30.000 morti n qui in ? E perchè non dovreero andare in galera per tentato doloso o colposo tutti i dei club, quello di Lega e Gravina per eventuali contagi o peggio nuovi focolai più che probabili con la ripresa del calcio?

Sussiste il reato di epidemia. Lasciando da parte le possibili violazioni contestabili in un periodo come quello attuale, quali quelle riferibili all’art. 650 c.p. piuttosto che della disposizione di cui all’art. 495 dello stesso Codice, proprio a tutela della incolumità o della salute blica, dall’art. 452, comma 1, n. 2, in relazione all’art. 438 c.p.: il reato è di epidemia colposa!

Molte considerazioni varranno comunque anche per il delitto previsto semplicemente dall’art. 438 c.p. ipotesi dunque dolosa.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply