ULTIM'ORA

Rafa,piano-Murphy: 2°posto e finale europea. Poi saluti!

Benitez-11

di Paolo Paoletti - Cosa è cambiato in una settimana? Nulla tranne i risultati. Che sono tutto.

ha cambiato faccia, non le idee. E’ incazzato da quando ha saputo che è il nuovo allenatore del Napoli.
lo ha ancora tradito, non attendendo un incontro ora inutile che non si farà mai!
Mortificante la museruola del silenzio stampa: la verità viene sempre a galla.

Il gol è la sua fissa: il Napoli ha già segnati 85 gol sui 104 dello scorso anno. Sui gol è disegnato il piano segreto di Rafa, un patto con : arrivare secondi in campionato ed in finale di Europa League. Poi salutare. Che smacco per DeLa. Un’impresa quasi impossibile…all’andata nelle ultime 7 arrivarono 11 punti, con 2 sconfitte (Milan e Juve) adesso non basterebbero! Come non basterebbero i pareggi con Sampdoria ed Empoli, prossime avversarie in 3 giorni.
Ma la squadra ha rotto gli indugi, si è liberata mentalmente, si è confidato nei giorni di ritiro: sta con la squadra e la squadra è con lui.

In campo si vede: Callejon e Mertenz hanno ripreso a correre e segnare. E’ tornato l’entusiasmo, ora rabbioso. Insigne da una mano, tra , , Wolsburg e Cagliari, un gol-qualificazione sfiorato e 2 assist. Quando entra c’è più verve e più equio. Ma ha bisogno di tempo e di giocare, cose difficili da consiliare se ogni partita è una finale.

Con Lono ne ha guadagnato anche Hamsik che negli spazi aperti emerge d’istinto e di qualità. La fiducia è una cosa seria, cambia tutto. E ha ridato fiducia a tutti nella prigione di Castelvolturno. Nonostante il voltafaccia del cinepresidente e la contestazioni dei media.

Come Andujar da fiducia alla difesa: niente di che, due parate a Wolsfburg e normale amministrazione. Normalità. Che Rafael non ha mai dato. Eccoli gli errori rimediati: il portiere, Albiol-Britos titolari, rombo confermato ma più sacrificio degli esterni, fisso e rinuncia in mezzo ai soli dittivi (Lopez-Gargano). Sono ancora molti 4 gol subiti nelle ultime 6 partite (Atalanta, Roma, , Wolsfburg) ma gli 11 fatti fanno sperare. Sopratutto quelli di Gabbiadini che quando entra segna o va per legni. Un cecchino con piede caldissimo che toglie equio ma spacca gli avversari.

Gabbiadini e Callejon 11 reti, 13: con l punta al secondo posto e all’Europa.
Non facile perchè se la Roma è in coma profondo, la ha mezzi per resistere e mantenere il vantaggio. Nonostante lo scontro diretto all’ultima giornata.

In Europa se il sorteggio dirà o una tra Dnipro e Bruge, il Napoli può ambire alla finale, dove accade sempre tutto ciò che deve accadere.

Il calendario non è più sfavorevole di quello di e Roma nonostante l’Europa: le probabili semifinali dopo 4-1 in Germania sono il 7 e 14 maggio, prima di due ‘soft’ in campionato… la trasferta di Parma (35a) e il Cesena al che potrebbe già essere retrocesso (36ª).

studia Murphy: un evento inizialmente improbabile, alla prova dei fatti si verifica spesso o addirittura sempre.

E se dovesse riuscirgli ha già scritto i saluti per …”se ci sono due o più modi di fare una cosa, e uno di questi modi può condurre a una catastrofe, allora qualcuno la farà in quel modo”.

Aurè ai capito?