ULTIM'ORA

Pessima Samp, il Napoli vince 4-2. Sarri confessa.

Sampdoria vs Napoli

di Paolo Paoletti - Sarri ammette che contro l’Inter ha sbagliato l’interpretazione della gara. Ferrero si è scagliato contro Orsato per l’arbitraggio di Samp-. In un modo o nell’altro prosegue la marcia del in testa al campionato.

A Marassi gli azzurri vincono 4-2. sprecando molte occasioni e subendo 2 reti da polli.
Quinta vittoria di fila: Higuain (9′), Insigne (rigore al 18′) poi Correa (45′).
Nella ripresa il tris di (60′), ma i blucerchiati – in 10 dal 59′ per l’espulsione di Cassani – riaprono ancora con Eder (73′). Mertens chiude definitivamente al 79′.

Poco da aggiungere. Il allunga sull’Inter fermata anche dal Carpi e si può dire sicuro della qualificazione diretta alla Champions. Troppi 5 punti da recuperare anche per Macini, che deluso anche dalla squadra sta pensando di lasciare a fine anno.

Sarri invece si può dire più che soddisfatto. Ha confessato l’errore di impostazione – troppi 6 cambi – costato l’einazione in . La squadra ha metabolizzato anche anche froci e finocchi reagendo al caos esploso in settimana.

Higuain con 21 gol in 21 partite si conferma il miglior attaccante del torneo, ma avree potuto segnare anche 4 gol.
Ha lasciato tirare il rigore a Insigne, forse Sarri l’ha designato per le proteste della sostituzione contro il Sassuolo e l’esclusione contro l’Inter… e questa modo di fare non va. Inoltre Gonzalo ha sprecato almeno 3 occasioni, di cui l’ultima sul finire della partita era di rigore per spinta evidente al momento del tiro.

Sui gol presi deve aprirsi un dibattito: troppe superficialità, troppi errori. Sul quello di Correa, come contro l’Inter perde palla stupida. Koulibaly cade nella finta di Eder, Correa da solo fulmina Rejna. Il portiere invece è andato a farfalle sul colpo di testa di Eder: possibile che un piccoletto come il brasiliano arrivi prima su una palla scoperta e facilmente leggibile?

Sarri chieda spiagzioni. Errori così sono costati la e contro squadre vere sareero fatali.

Pessimo passarci su per il risultato acquisito. Come per le sviste di Orsato.
Pessimo levare gli scudi quando una situazione identica si verifica a risultato in bilico.
Il italiano non è affidabile come e quanto il paese. Compromesso e compensazioni hanno ridotto il a spettacolo ridicolo: mediocre, rissoso, falso!

Juve- permetterà opinioni compiute.
Siamo appena alla seconda di , ma dopo Juventus- il 13 feraio tutto sarà molto chiaro.

TABELLINO. - 2-4
(4-2-3-1): Viviano; Cassani, Moisander, Zukanovic, Regini; Barreto (10′ st Alvarez), Fernando; Carbonero, Correa (35′ st Ivan), Eder; Cassano (20′ st Dodò).
A disp.: Puggioni, Brignoli, Pedro Pereira, Silvestre, Palombo, Krsticic, Rodriguez, Muriel. All.:
(4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam (26′ st Strinic); Allan, , ; Callejon (39′ st El Kaddouri), Higuain, Insigne (30′ st Mertens).
A disp.: Gabriel, Rafael, Chiriches, Maggio, Luperto, Chalobah, Valdifiori, D. Lopez, Gaiadini. All.: Sarri
Arbitro: Orsato
Marcatori: 9′ Higuain (N), 18′ rig. Insigne (N), 45′ Correa (S), 15′ st (N), 28′ st Eder (S), 34′ st Mertens (N)
Ammoniti: (N); Fernando (S)
Espulsi: 14′ st Cassani (S) per doppia ammonizione