ULTIM'ORA

Pari col Barça, Balo 5,5. Raiola: non finisce qui.

C_29_articolo_1014993_lstParagrafi_paragrafo_1_upiImgParFull

di Nina Madonna - fa tremare Raiola con 25 minuti da 5,5 col Barça. E Raiola fa tremare il : “La speranza è vederlo giocare. C’è un’attenzione esagerata su di lui, dobbiamo accettarlo. Anche in Inghilterra c’era un’attenzione esagerata, anche se gestibile. Qui vengono pompate sempre le notizie, vorrei parlare solo di per lui. Soluzione drastica? Presto per parlare di cose qui, non va bene significa non va bene. Calmiamoci tutti, forse anche noi siamo colpevoli, faremo un’analisi col . Può lasciare l’Italia per questa ragione? Sicuramente l’Italia non sarà la fine della sua carriera, ma abbiamo altri 4 anni col e non pensiamo di voler lasciare l’Italia per questa ragione. Non vorrei lasciasse il paese per troppa pressione mediatica”.

Poi Pogba: “Le parole di Agnelli sono state strumentalizzate. L’Italia non è più il paese dove arrivano e restano i grandi giocatori. Il presidente della ha fatto un discorso intelligente e avanzato proposte intelligenti. Io voglio sapere chi al mondo può rifiutare una proposta indecente…. Certe offerte vanno sempre accettate”.

Pareggio d’autore per il : 1-1 col e secondo posto nel gruppo H. Gli uomini di Allegri partono a razzo e al 9′ sono già in vantaggio con , servito alla grande da . Il Barça si riorganizza e al 23′ fa 1-1 con Messi, abile ad approfittare di un errore in disimpegno.

Nella ripresa dentro un mediocre . Ospiti più pericolosi con Iniesta e Dani Alves.

PAGELLE.
7. Spumeggiante in avvio, quando trova spazio e salta l’uomo. Utile in corso, quando rincorre a tutto campo e fa il difensore aggiunto. Stanchissimo alla fine, ma non giocava una partita vera (e a) da un’eternità

Messi 7,5. Principale fonte d’ispirazione per l’attacco del Barça, che con il suo ritmo lento e a volte impacciato non riesce a liberare al tiro le altre punte. Caparbio sul del pari, quando perde l’equio, resiste di fisico (!) e punisce Amelia

Zapata 5,5. Un vento fondamentale sulla Pulce lo salva da una insufficienza scontata. In partite del genere bisogna rasentare la perfezione per non prenderle. Ma disimpegna in modo impacciato e il paga

Neymar 5. Fatica ad inserirsi nei meccanismi del nuovo tiki-taka, che il Barça rispolvera per questa occasione “eccellente”. Tanto che è costretto a liberarsi al tiro in proprio. Esce prima della fine

Montolivo 6,5. Buona partita. Non è lucidissimo in fase d’impostazione, ma fa legna e non trascura il sacrificio. Ennesima grande prova a livello di personalità, calcia anche da fuori ma il pallone termina al secondo anello

Amelia 7. Una parata decisiva e tanti, piccoli venti che consentono al di restare a galla. Risponde presente, Allegri può fidarsi

6,5. Inizio di intensità surreale, poi cala col passare dei minuti e nel secondo tempo torna il vecchio Binho: il pallone gli sguscia sotto le gambe quando bastava un tocco di punta per mettere fuori uso il portiere

TABELLINO. - 1-1
(4-3-3): Amelia 7; Abate 6, Zapata 5,5, Mexes 6,5, Constant 5,5; Montolivo 6,5, De Jong 6,5, Muntari 6; Birsa 5,5 (35′ st Poli sv), 6,5 (19′ st 5,5), 7 (26′ st Emanuelson 5,5). A disp.: Coppola, Silvestre, Nocerino, Matri. All.: Allegri 6,5

(4-3-3): Valdes 6; Dani Alves 6,5, Piqué 5,5, Mascherano 5, Adriano 6; Xavi 6,5, Busquets 6, Iniesta 6,5; Sanchez 5,5 (29′ st Fabregas sv), Messi 7,5, Neymar 5 (36′ st Pedro sv). A disp.: Pinto, Bartra, Montoya, Song, Tello. All.: Martino 6

Arbitro: Brych (Ger)
Marcatori: 9′ (M), 23′ Messi (B)
Ammoniti: Montolivo, Muntari (M), Sanchez, Fabregas (B)