ULTIM'ORA

Papa choc: “durerò 2-3 anni”. Curia ultima corte d’Europa!

Papa: la più grande penitenza è viaggiare, non mi piace

di Domenico Chiesa - La notizia che sta facendo il giro del Mondo… “mi manca di poter girare liberamente, magari per poter andare in pizzeria senza essere riconosciuto. Ho la sensazione che il mio ponticato sarà breve. Quattro o cinque anni. Non lo so, o due, tre. Ben due sono passati da allora. E’ come un piccolo vago o”.

Parole di , ma forse più dell’uomo Berio. Non sembra intenzionato a dimettersi, ribadisce però l’apprezzamento per la scelta fatta da Benedetto XVI. Di papa Ratzinger apprezza anche la lotta contro gli abusi. Denisce la curia l’ultima corte d’. Spiega perché non è capace di girarsi dall’altra parte di fronte ai mali del mondo. Indica nelle migrazioni e nel narcotrafco i problemi del Messico che non sono solo del Messico.

Papa Bergoglio ha parlato a Valentina Alazraki, storica vaticanista della messicana Televisa, di cui la Radiovaticana fornisce una sintesi e il testo integrale in spagnolo. Nel colloquio, blicato a due anni dalla elezione affronta moltissimi temi caldi: il clericalismo nella curia, l’appello a non girarsi dall’altra parte nei confronti dei mali del mondo, il sinodo sulla famiglia e denisce smisurate le aspettative su temi complessi e delicati come la comunione ai divorziati risposati o l’omosessualità.

“Anche per la curia, dice, ogni cambiamento inizia dal cuore – spiega il Papa – e comporta una conversione nel modo di vivere. Una conversione che coinvolge la stessa gura del Pontece e che è alla base dei fuori protocollo che tanto entusiasmano il popolo di Dio. All’vistatrice che accenna all’eventualità di un ritiro per iti di età, come avviene per i vescovi, il Papa risponde di non condividere una simile evenienza per la gura del Pontece – denisce il Papato una grazia speciale – ma dice anche di apprezzare la strada aperta da Benedetto XVI riguardo alla gura del Papa emerito. Una scelta coraggiosa la denisce, come coraggiosa fu la decisione di avere reso blica la gravità degli abusi commessi da alcuni membri della Chiesa contro i bambini e la necessità di prendersi cura delle vittime.

“Non mi piace viaggiare, penso che sia la penitenza più grande. Sono molto legato all’habitat, è una nevrosi ma le nevrosi – scherza Bergoglio – bisogna tratle bene. Non mi piace viaggiare oggi come prima non mi piaceva venire a ”, ammette il Papa.