ULTIM'ORA

Ora Sarri teme la Roma: reazione immediata.

C_29_articolo_1093399_upiImgLancioOriz

di Ladila Moretti - Alle interviste il secondo redde rationem: Maurizio Sarri parla ai microfoni Premium. Le minacce di sono solo bluff…
“L’Udinese forse ha giocato la sua migliore della stagione. Noi no, non abbiamo fatto viaggiare la palla come facciamo di solito. Ci è successo altre volte alle 12.30 (Bologna ndr), orario innaturale che noi accusiamo. Gestire meglio la sosta? Impossibile fare meglio, abbiamo molti sudamericani che fanno un solo dopo decine di ore in . Tutte difcoltà enormi che paghiamo più di altre squadre: serve esperienza anche in questo. Da quando siamo secondi abbiamo sempre giocato dopo la : 4 su 6 volte è un vizio, 6 su 6 è qualcosa di più, che ti fa spendere più energie. Abbiamo l’obbligo morale di ripartire bene, per far sì che il nale sia all’altezza della stagione. Se la tiene questo ritmo è impossibile: stanno facendo qualcosa di incredibile. Ma ci sarebbe piaciuto provarci se ci avessero fatto perdere meno energie in situazioni extra campo. Non serve piangerci addosso, stiamo facendo una stagione eccezionale e questa partita non deve intaccare le nostre convinzioni. La mia espulsione? Ho solo detto a Irrati che stava arbitrando malissimo, se non si può dire nemmeno questo… mi spiace uscire con due ti, al di là della mia di espulsione. Higuain mi ha detto che non ha fatto niente e ha preso il secondo giallo, era dispiaciuto perché è attaccatissimo a questi colori. Anche il secondo rigore: dalla panchina non mi sembrava tale, dovrei rivederlo. Al di là degli episodi, la conduzione della gara non mi è sembrata esemplare”.

A Sky, Sarri aggiunge: “La scontta arriva da una grande prestazione dell’Udinese, con noi sottotono. Poteva andare diversamente su alcuni episodi, ma ci sta di perdere se non riesci ad esprimerti a certi livelli. Facciamo fatica dopo le soste della ed a giocare a quest’ora, probabilmente gestire i viaggi è problematico. Il dispendio di energia può essere diverso, penso a che alla prima chiamata può essere poco abituato sul piano mentale e sico. Noi vogliamo diventare una grande squadra, quindi bisogna migliorare la gestione delle piccole cose. Giocare alle 12.30 è innaturale: c’è chi si adatta, noi facciamo fatica”.

“Pesa giocare dopo la ntus? Da quando siamo secondi in classica, abbiamo giocato 6 volte dopo la ntus e non solo per le coppe. Si poteva alternare, mi è sembrata un’esagerazione. Se questo ci dà pressione, comunque, vuol dire che non siamo squadra che può gestire questa pressione. Dobbiamo lavorare su quello che dipende da noi, queste decisioni purtroppo non dipendono da noi. Abbiamo l’assoluta volontà di giocare come una squadra forte. Questa gara ci deve dare rabbia e . Fatto un strepitoso, dobbiamo nire alla grande. C’è un pizzico di delusione, che bisogna trasformare in determinazione. E’ la reazione che deve avere la squadra. Vogliamo competere con chiunque”.

Ancora su Higuain: “Gonzalo è attaccato a questa maglia, si è sentito vittima di un’ingiustizia ed ha reagito di rabbia. Nel italiano si è visto di molto peggio”.