ULTIM'ORA

Olympiacos, squadra degli dei: vince il 19° campionato negli ultimi 21 anni!

Olympiacos vs Besiktas

di Achille Olympo - Domenica scorsa con la rotonda vittoria per 5-0 contro il PAS Giannina l’Olympiacos Pireo si è aggiudicato il 44esimo nazionale della sua . Vincendo per la settima stagione consecutiva. E’ lo ‘scudetto’ numero 19 degli 21 anni. Tra i protagonisti dell’ennesima stagione vincente dei biancssi ci sono stati l’ex interista Esteban Cambiasso che a 36 anni in terra greca può ancora dire la sua, Oscar Cardozo ex bomber del Benca, il tedesco Marko Marin che, seppur girando per mezza Europa, non ha mantenuto le aspettative da fenomeno,e inne c’è anche un pezzo d’Italia, si tratta del portiere Nicola Leali, in prestito dalla Juventus, che ad inizio stagione ha deciso di accettare la sda in un campionato estero.

COME LA ? – L’Olympiacos dalla stagione 1996/1997 al 2016/2017 non ha vinto il campionato solo in due occasioni nel 2009/2010 e nel 2003/2004 annate in cui ha vinto il Panathinaikos. L’Aek Atene non vince dal 1994 mentre il Paok dal 1985. Un campionato sempre dominato dalla stessa maglia. Ecco, quest’ultima affermazione può farci ricordare le ultime stagioni in Italia. Siamo in un periodo dove la Souper Ligka Ellada può andare a braccetto con la ?

Attenzione, non vogliamo paragonare, con tutto il rispetto, il campionato italiano con quello greco, ma la ci sta mostrando un dominio netto come mai era successo nel passato. Il gap tra la Juventus e le altre inseguitrici al momento sembra ampliarsi piuttosto che restringersi e l’idea di supremazia per lo meno decennale non è utopia.I punti di forza della vecchia signora sono: un mercato efcace, lo stadio di proprietà, un lav programmato e al momento ci sembra per diversi motivi l’unica società con un progetto vero e proprio.

Noi amanti di possiamo augurarci che vinca sempre il migliore, con la speranza, per lo meno, di vedere una lotta continua dalla prima all’ultima giornata. Ai nastri di partenza nelle ultime stagioni i bianconeri sono sempre partiti da favoriti ma si è avuta (almeno sulla carta) l’impressione che qualcuno potesse metterle i bastoni tra le ruote no all’ultimo e invece terminato il girone d’andata la situazione era già ben delineata.

IL FATTORE CHAMPIONS – L’auspicio è dunque quello di vedere un campionato in grado di regalare emozioni no a maggio, gli investimenti delle milanesi, lo stadio di proprietà della Roma, e la possibilità dalla stagione 2018/2019 di poter contare su quattro squadre in Champions (e quindi più liquidità) sono gli ingredienti che potreero aiutare la rendendola più competitiva ,e nalmente tornare a vedere un campionato più equilibrato. Sembrano passati secoli dalle seminali italiane di Champions, dal dominio degli anni ’90 in coppa Uefa e dai campionati decisi negli novanta minuti. Anche qualche favola iva non guasteree al nostro movimento calcistico come la Samp degli anni ’90, il Cagliari del 1970, il Verona del 1985 o Lazio, Roma, e orentina delle stagioni d’.

Bei tempi purtroppo sempre più lontani. Tempi in cui si poteva dire di avere il campionato più bello del mondo.