ULTIM'ORA

Oltre Michel, Fifa strumento della guerra Usa-Iran!

FRANCIA DENUNCIA 'QATARGATE', REVOCATE I MONDIALI 2022

di Paolo Paoletti – L’arresto di nell’ambito dell’inchiesta su Qatar 2022 lancia dui oltre l’aspetto calcistico.
E’ presto per giudicare ma la stessa assegnazione dei mondiali era già politica.

Il Qatar, piccolo Paese da 2 milioni di abitanti – 80% immigrati – senza tradizione calcistica e con un clima impossibile per giocare a calcio, al momento dell’assegnazione non aveva neppure gli stadi.

Una situazione che ha costretto la fa a spostare il Mondiale d’inverno ed il blocco dei tornei internazionali per 2 mesi, prima volta nella del calcio. Ma il Qatar aveva bisogno dell’evento per una visibilità mediatica mondiale che mettesse al riparo dalle turbolenze geo dell’area.

Non è un azzardo, quindi, ipotizzare mi tra la vicenda e le tensioni tra Usa e Iran!
Il ruolo ambiguo del Qatar in medioriente ospita la più importante base militare americana, altrettanto ottimi rapporti con l’Iran ma pessimi con l’Arabia Saudita, essendo accusato di nanaziare il terrorismo islamico eppure in cordialità con Israele.

E nonostante l’intreccio da 2 anni subisce l’embargo da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein ed Egitto.

Una situazione che coinvolge anche il calcio!

La Coppa d’Asia 2019, vinta a sorpresa, pur organizzata negli Emirati Arabi Uniti, Paese connante con Doha, ha costretto i ‘Marroni’ a volare attraverso l’Oman per raggiungere le sedi delle partite, costringendo i si a seguire la Qatariota in tv.

Ora i Mondiali 2022 sono a rischio?
La fa di Infantino, comunque parente di quella di Blatter, ha confermato la massima manifestazione in Qatar, dopo tante accuse su lav nero, schiavismo, lav nero o sottopagato!

Ma pensando al 2030 dove la chiede spazio nonostante variabili extra-calcistiche, il calcio s’afferma strumento per are o destabilizzare gli equilibri geopolitici.

L’inchiesta su Qatar 2022 annuncia nuovi colpi di scena, almeno no a quando il Qatar non deciderà di ridiscutere con Washington la propria collocazione geopolica, troppo verso l’Iran.

Ecco, è purtroppo questo il calcio di oggi!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply