ULTIM'ORA

Oddo sul filo: “Penso a Crotone, non al Napoli”.

oddo.udinese.2017.18.tre.750x450

di Ladila Moretti - Partito benissimo potree nire malissimo. Cioè licenziato!
Massimo Oddo è sospeso tra la classica preoccupante e le pme due in 4 giorni: prima il Napoli, poi il quasi scontro diretto con il Crotone!
La sda contro i calabresi, sarà decisiva: se passo falso dovesse essere, sarà certo l’esonero.
Ed al suo posto potree arrivare Stramaccioni.

Anche per questo Oddo s’è arreso alla vigilia di Napoli-Udinese: “Non mi importa se dicono che ci scanseremo. Non andremo al San Paolo rassegnati ma pensando alla gara successiva col Crotone che sarà uno scontro diretto e non possiamo arrivarci ti. Aiamo problemi sici e giocatori difdati, queste situazioni vanno valutate”.
Allora? Cosa dicono tutti gli accusatori di perini e l’ processata per aver presentato una formazione imbottite di riserve contro la Juve in una gara che nemmeno fu giocata?
Il tempo è galantuomo è chiarisce che davanti ai propri interessi, nessuno si astiene dal fare cose non corrette per il solo valore dello , della lealtà, del rispetto della competizione!

Oddo insiste…”A me quello che pensano gli altri non frega niente, io guardo il mio obiettivo, non quello delle altre squadre. Non possiamo presenci con il Crotone ti, quindi andiamo a Napoli con i ragazzi che stanno bene, e basta. Aiamo 6 punti di vantaggio e 6 partite da giocare, pensiamo a ciò che c’è da fare per non avere problemi e pensiamo positivo”.

Sarri insomma può sentirsi già in tasca i 3 punti infrasettimana, attendendo il risultato di Crotone dove scende la Juventus. Questa ammissione di Oddo, peraltro rà al massimi i calabresi, che vedono nell’impresa anche un modo ‘sicuro’ di recuperare qualche punto su chi sta davanti. Anche l’Udinese.

Dopo un avvio positivo, Oddo ha messo in la un record di 9 scontte consecutive, già certo della contro il Napoli: “Non posso prendermi tutte le colpe. Ho le mie responsabilità, di vario genere e non solo di tipo tattico, e me le prendo con le scelte che faccio, ma vanno suddivise. Io non vado in conferenza a piangere. Quello che devo dire lo dico alla società, non in pulico. Non posso sventolare ai quattro venti ciò che volevo fare, l’allenatore si mette a disposizione del ”.

Ma quando interviene l’ufcio inchieste?
Questo è diventato davvero ridicolo!