ULTIM'ORA

I numeri verità: fallimento Napoli, chi paga?

640x360_C_2_video_447500_videoThumbnail

di Paolo Paoletti - Chi parla di sfortuna, ha perso se stesso. Vale anche per Benitez che ha perso il Napoli: gli è sfuggito dalla mani da oltre 2 mesi, da quando ha ripudiato il suo gioco pensando di stoppare l’emorragia della difesa.
Trenta subiti in 29 partite, più di 1 a partita, un disastro!
Chi ha lottato per lo scudetto ne ha incassati meno della metà: 12 la , 14 la Roma…

Benitez mente, la sfortuna non c’entra. E’ l’altra faccia della fortuna che ha con sentito di vincere a come la Fiorentina ha vinto a Napoli.
Anche se Doveri a la fece grossa, mentre l’espulsione di uam è sacrosanta quanto colpevole.
Se ci si mette anche Reina a fare fesserie come l’uscita assurda su Matri, da cui è nato il viola…tutto torna.
Che c’entra la sfortuna?

“Siamo stati sfortunati, ma abbiamo giocato bene. Per questo guardo ancora con fiducia alla rincorsa sulla Roma”. R Benitez mente sapendo di mentire.
Se dovesse credere che si possono recuperare alla Roma da 6 a 9 punti in 9 gare, dovrebbe tremare…la Fiorentina è 7 punti sotto, sarebbe a rischio anche il preliminare di Champions!

Insiste: “Il Napoli ha dimostrato di essere più forte anche in 10. Abbiamo attaccato, cercato il per tutto il secondo tempo, anche se con l’uomo in meno”.
Caro R perchè fai così?
Non è da te menarla ai si. Queste parole ti si ritorceranno contro, chi spiega che giocare bene e perdere significa non avere futuro?
Per il momento il Napoli ha anche poco presente, l’immediato è nella sfide con Catania e ntus che chiudono il ciclo di ferro.
I siciliani si giocheranno l’ultima occasione , la molto di più: la faccia e la preparazione ai quarti di Europa League con il morbido Lione.

Perso anche Mertens, almeno per Catania, Benitez è ai piedi di pilato. Se le cercata lui: avrebbe dovuto impuntarsi sugli acquisti ed essere onesto con i napoletani. Ha perso su tutti i fronti, ora lo ammetta. Difficile per uno come lui, sopratutto dopo la cacciata dall’Europa vetrina cui più teneva.
Gli restano le bugie, tentativo estremo per tenere su l’ambiente…
“Goulam? Non parlo degli arbitri, tanto non cambia niente. Ora dobbiamo curare bene quest’ultima settimana con due gare, dopo potremo gestire meglio le energie, per questo dico che si può ancora guardare alla Roma, loro hanno un vantaggio ampio ma noi dobbiamo provarci”.

Perchè che impegni ha? Non bisogna mai diventare ridicoli.
Il dominio di sè, parte dalla consapevolezza di chi sei. Puoi imbrogliare il pmo, impossibile imbrogliare il Destino. Quello di Benitez è come quello del Napoli: incompiuto. Resta una sola cosa, la finale di ancora contro la Fiorentina. Situazioni specchio.
I Viola hanno fatto bene sul mercato con Gomez e , ma li hanno persi troppo presto e per troppo tempo. E Mario Gomez al San Paolo ci ha rimesso anche l’altro ginocchio.
Il Napoli ha fatto male e solo in extremis sul mercato e Benitez ci ha rimesso il bene più prezioso: la credibilità.

Anche Higuain lo ha mandato a quel paese, come aveva fatto con molti compagni in campo. Uscito furioso, sostituito da Beh, ha tirato calci a una bottiglietta d’acqua.
“Non si è arrabbiato per il cambio ma per come è andata la gara…”
Benitez dica ciò che vuole, la la raccontano i numeri: Conte dopo 2 scudetti si è migliorato ancora di 13 punti, addirittura ne ha dati 17 in più alla Roma.
Anche i giallo avevano cambiato tutto: DG, tecnico, giocatori importanti, mentalità, gioco. Ma hanno fatto ciò che si doveva, lottare con i più forti fino a due terzi della stagione, battendo 2 volte la ntus.

Basta con la storia del fatturato, club come Altetì e Borussia ne hanno meno del Napoli e sono ai quarti di Champions League nel G8 d’Europa!
Era ciò che avrebbe dovuto fare il Napoli di Benitez. Lui ben lo sa. Lo ammetta e ne tragga le dovute conclusioni.