ULTIM'ORA

Senza fondamenta: insolito destino di Sarri e chi fugge!

maurizio-sarri1-640x399

di Paolo Paoletti - Tutti si chiedono cosa unisca Mazzarri-Benitez-Sarri…
Tutti e 3 uniti da rivalse contro De Laurentis per acquisti inutili, mediocri o mai arrivati e ‘costretti’ a friggere il pesce con l’acqua, nonostante reali chances .

La risposta è semplice: li unisce la mancanza di fondamenta della società. O per meglio dire, una società che non esiste.
Fondamenta che sono: o, centro sportivo, settore giovanile, dirigenti di livello.
Sento dire che Sarri ha rivalutato la rosa per 100 milioni. Vero.
Marotta con il solo Pogba, preso gratis, ne faree incassare di più. E la Juve ancora oggi rinnova Barzagli (8 maggio 1981!) ancora miglior difensore italiano, tornato gratuitamente dal Wolsburg; ed ha vinto con Pirlo strappato al Milan a parametro zero e Tevez costato soli 9 milioni.
Queste sono fondamenta: competenza, progetto a medio e lungo termine, capitale di rischio. Che servono a prendere Dybala a 40 milioni e non sbagliare!

Ci sono 2 numeri che spiegano chiaramente: negli ultimi 5 anni la Juventus ha dato al Napoli 92 punti in classifca e 161 milioni di fatturato! Quello del Napoli aumentato solo di 10 milioni, nonostante piazzamenti onorevoli; quello della Juve di 171 milioni con quattro scudetti consecutivi. Trend che salirà ancora con il Quinto.
Il solo um, ha contribuito in 3 anni a fatturare da 11 a 50 milioni, mentre De Laurentis non ha speso 1 euro 1 per mettere mano al San Paolo!
Ecco perchè il fatturato determina per chi sa fare fatturato.

De Laurentis è un perdente, lo dice l’economia, le leggi dell’economia: chi punta al mantenimento è destinato a morire. Da questo punto di vista il Napoli è già morto e solo la fortuna di questo cinepresidente ha tenuto a galla la squadra e la classifica.
La cosa, invero, riguarda tutte le concorrenti dei bianconeri, ma prima la Roma, con 2 secondi posti consecutivi ed il rusch finale di quest’anno; da un po’ e Milan sono a caccia di soci e freschi per ripartire.
Berlusconi addirittura negando l’esistenza dei comunisti.

Americani, filippini, cinesi che siano, chi vuole vincere deve aprire a capitali stranieri. Tra un po’ Renzi metterà mano anche ai diritti , unico rubinetto che ha tenuto in vita il calcio italaino, e saranno dolori sopratutto per chi non ha costruito niente.
Come De Laurentis.

La ‘mucca-da-mungere’ ha finito il latte e il Napoli non ha alcuna prospettiva con De Laurentis. La Champions saree un palleativo, un modo per procastinare la , fino a quando reggerà il bluff aureliano?
Davanti ci sono 2 eventi: la di Higauin e il mercato per la Champions.
Sarri resterà se gli verrà triplicato lo stipendio, cosa buona e giusta.

Ma che Napoli affronterà l’Europa?
Sarri, superesordiente, dovrà vedersela con i 12 punti di Benitez, che non garantirono nemmeno la qualificazione.
Ed anche con l’onorevole einazione di Mazzarri, uscito proprio per inesperienza a Stamford Bridge. Ricordate Drogba…?
Alla Juve per riprovarci in Italia e in Europa si parla di Gomez e Turè, con … corretto mix di giovani di qualità, esperienza e maturità.
ha fatto ciò che nessuno immaginava con 30 gol in 32 partiute. E non è bastato. Come non bastarono i 104 gol in 3 anni di Edison .
Ecco perchè Mazzarri, Benitez e Sarri sono uniti da un insolito destino: un palazzo senza fondamenta, può solo crollare.
E più vai in alto, più ti farai male!