ULTIM'ORA

Napoli: mercato, Zuzù, Platini…da dilettanti!

PRESENTAZIONE CALENDARI DELLA LEGA A

di Paolo Paoletti – Straparla, ma questa volta non poteva non farlo!
ha forti responsabilità, maggiori di sempre proprio nel 10 anno, quello che deve portare allo Scudetto.

Mercato e Zuniga, sono i guai combinati negli ultimi 3 mesi. Aurelio ne prende atto: “Abbiamo in lista l’acquisizione di un terzino, un difensore centrale e un centrocampista per gennaio. Ma solo se ci convincono. Zuniga k.o.? Non parliamone, non si finisce mai di imparare…”.

Ma chi deve ancora imparare dopo 10 anni, è un asino!
Il cinepresidente prova a difendersi esaltando : “E’ bravissimo, ho fatto bingo con lui. E’ allo stesso tempo un teorico ed un pratico, sa gestire bene i giocatori”.
Certo se Duvan avesse fatto un’altra figuracci a Marsiglia invece di mettere un pallone nel sette, avrebbe detto cose diverse…

Sul mercato, l’ammissione di colpa è grave: se servono 3 giocatori a gennaio, per una s quadra che vuole vincere è stato sbagliato tutto.
Di Cannavaro si sapeva, su Zuniga l’errore è triplice e da dilettanti: 1 bisognava fermarlo l’anno scorso; 2. bisognava cederlo; 3. non bisognava dargli tutti quei soldi! Dilettanti allo sbaraglio.

Spiega… “L’anno scorso siamo arrivati secondi e bisogna valutare anche ciò che abbiamo in casa. ci ha regalato un campionato esemplare e non possiamo buttare giocatori che riteniamo importanti. Prima di dire che un giocatore non è al livello delle pretese del mister bisogna verificare, quindi serve tempo. Noi abbiamo in lista l’acquisizione di un terzino, un difensore centrale ed un centrocampista per il mese di gennaio. Questo, però, non significa che siamo obbligati a comprarli. Se li troviamo e ci convincono allora ci muoveremo. Non vogliamo mandare via nessuno”.

Bugia da spergiuri. Il centrale serve per rimpiazzare Cannavaro, che ha bocciato da subito. ha voluto tenerlo conscio della panchina per risparmiare due volte: sul nuovo acquisto, sulla decurtaziine di stipendio dell’ex capitano.
Il terzino è necessario perchè Zuniga è un rebus serio: ma le sue condizioni erano note da mesi e mesi. Zuniga ha giocato sul dolo metà dello scorso campionato. Andava ceduto e rimpiazzato a luglio. Invece gli sono stati dati 3,5 milioni per toglierlo alla . Complimenti vivissimi, tanto i soldi sono dei .
Il centrocampista è una ulteriore necessità rappresentata subito da : la priorità dello spagnolo che ha messo Mascherano all’attenzione fin dal primo momento. Inler non convince e Behe e Dzemaili hanno caratteristiche diverse dalle esigenze del tecnico.
IL secondo posto di è l’atto finale di un triennio in cui tutto ma proprio tutto è andato benissimo. Ma la normalità è altro e per vi cere bisogna essere superiori nella normalità.

gestisce bene i giocatori? Facile quando si parla di Higuain. Un giocatore dirà sempre che è disponibile, ma il tecnico deve valutare insieme ai medici i risvolti fisici, emotivi, mentali. Higuain dal primo minuto a Marsiglia è stata una scelta rischiosa; da un lato è necessario dare sicurezza, il rovescio della medaglia sono i risvolti negativi alle difficoltà. Higuain non ha forzato, al momento non è in grado di farlo. Pandev e Duvan, sono un terno al lotto. Buttare dentro Duvan in Champions è questione di fortuna e il giocatore ha segnato un grande ”.

Del non si fida nessuno, memori anche delle fesserie combinate lo scorso anno. “Il ci può far male, è squadra che mi piace ma guardo spesso con piacere”.

Il cinepresidente azzurro per ringalluzzirsi fa ancora cinema contro l’Uefa accusando Platini: “L’ non può supportare a livello finanziario club di un certo livello. Può farlo solo per club con esigenze inferiori. Per club di livello maggiore, che hanno quindi costi maggiori, l’ è solo un torneo instancabile ed inconcludente che toglie energie dal campionato nazionale e devi essere comunque attrezzato con una rosa di 23-25 giocatori per affrontare i due tornei con dei costi non rapportabili alle entrate. Esiste il fair play finanziario voluto da Platini, ma lui stesso si contraddice con un torneo dei ricchi ed uno dei poveri. Per rispettare il FPF serve un determinato fatturato. Oltre a questo c’è poi il declassamento con l’Italia con due posti e solo una in Champions tte il preliminare”.

Allora, una volta e per tutte bisogna dire a questo dilettante che fa errori come Zuniga di imparare prima cos’è il .
1. Il caposaldo della competizione è il merito. Non si può fare la Champiopns perchè è deciso a tavolino.
2. L’Italia ha due soli posti diretti perchè il italiano non è in grado di competere con Germania, Inghilterra, Spagna ed ora anche Francia. E’ chiara la classifica Uefa. Non esiste che si partecipi per scelta a tavolino.
3. In Champions vanno le migliori, in chi arriva 4° o 5°. Se si spendono fortune e si arriva oltre il 3° posto si è incompetenti. Riguardo la rosa di 23-125 giocatori, parla proprio lui che ha tenuto un allenatore che usava solo 14 effettivi. E quelli che oggi ha a disposizione proprio per fare bene in campionato e Champions non è all’altezza della situazione. Come conferma la necessità di altri 3 rinforzi a gennaio.

Quindi, ha stufato con queste litanie.
A Domenica: quando ci si mettono le , ci si può rimettere la pelle.