ULTIM'ORA

Llorente torna Leone: 4-1, Ospina regala il gol!

llorente_lecce

di Paolo Paoletti – Il Napoli c’è. Rispetto ai numeri e per il gioco. Vince ancora fuori casa senza tentennamenti da sbornia Reds. Ne fa 4 al Lecce diventando il miglior attacco. Cambia parecchio facendo arrossire e .

Nove punti in 4 partite, Ancelotti ha steccato solo allo , l’occasione più importante. Brutta cosa… quando nirà questo complesso di mediocrità?

Lecce era votata al sacricio, ha segnato però. Sapeva che avree perso, così è stato.
Domato dagli azzurri che concedendo solo l’illusione d’una rimonta. Vittoria diamantina in cui Ancelotti ne cambia 6 rispetto alla Samp e addirittura 8 rispetto alla Champions.
Liverani è già contento se può dare ducia alla formazione vincente di .

Tutti confermati tranne Babacar, che per scelta tecnica lascia a Mancosu.
Koulibaly, Fabian e Insigne sono i sopravvissuti della notte magica. Il turn over di Carletto fa felice De Laurentis e la rosa. Tutti felici… a Lecce si può fare con le seconde linee.

Liverani s’era messo a tavolino: Falco e Farias alti e larghi per incoraggiare Mancosu o Tabanelli, ma lo scarso livello tecnico manda tutto all’aria rispetto la qualità degli azzurri, la faciltà di palleggio, la condenza con il .

Attacco inedito: prima punta, Milik zanzara come con Lewandowski tra polacchi.
Ed a proposito di Polonia, Zielinski, gioca tra fascia sinistra e centrale; partecipa poco e sbaglia troppo. Ancelotti non se ne preoccupa certo che Zieli sa fare calcio, anche in un ruolo non suo.

E quando il Napoli cresce e si prende la partita il Lecce scompare, avvilito.
Un di Farias e un sinistro di Mancosu sono gli ultimi sussulti, Insigne sale in cattedra e il Napoli va. E segna al 28’, quando s’avventa su un’altra palla sporca e fa secco Gabriel.

E così trova pure il raddoppio secondo , con un rigore benevolo per braccio di Tachtsidis su colpo di testa ravvicinato di . Rigore ridicolo per il nuovo reamento ridicolo.
Insigne pensa ad altro e Gabriel para. Però fuori dalla linea bianca e tutto diventa pretestuoso oltre che ridicolo!
Insigne non fa due errori di seguito ed è 2-0.

Potree essere tutto nito, Liverani mette Petriccione per Tachtsidis ma non cambia niente. Anzi. Tant’è che becca contropiede che Fabian Ruiz trasforma con un sinistro forte e preciso che merita. Tre a zero!

Ospina però dopo qualche minuto (58’) s’inventa una caccia al pallone travolgendo Farias. Rigore. Tira Mancosu e segna. Saree da ripetere, ma va bene così. Riaprendo una gara già vinta.

Il Lecce ritrova gamba e coraggio, il Napoli ripiega, subisce, rischia.
Ci crede Liverani, esce Falco entra Lapadula. Ed anche Ancelotti risponde con Lozano per Milik, poi per Elmas e perno Luperto per che esce dopo una doppietta ed un assist.

Utilizzandso un’altra palla sporca, la respinta di Gabriel, il ad occhi chiusi, prima doppietta azzurra.
Che noia ragazzi.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply