ULTIM'ORA

Al San Paolo ci guadagna Spalletti: “potevamo di più!”

Soccer: Serie A; Napoli-Inter

di Paolo Paoletti - Tra Sarri e porta a casa l’Inter. Lo 0-0 fuori casa con 2 paratissime di Reina e 2 di Handanovic, premia i nerazzurri che restano a -2 e impongono agli azzurri il primo pari della stagione dopo 8 vittorie consecutive.
Ci guadagna , ci perdono i si del Napoli che ancora una volta, riempito il , non possono gioire di una vittoria contro una big.

GLORIA. IL primo punto su cui riflettere é: è vera gloria quella del Napoli?
Ha battuto la all’Opico per uno strafalcione di De Rossi e un salva-risultato di Reina sul testa di . Ha perso male con il City dove poteva essere goleada dei Citizen. Ha impattato con l’Inter che è squadra ancora in costruzione.

ATTACCO. Solo 2 gol seganti dalla ripresa dopo la sosta delle nazionali. Contro l’Inter ci ha provato solo Insigne. Skriniar ha messo la museruola a Mertens, Callejon non si è trovato quasi mai in posizione per battere a rete.
Emerge la lacuna di non avere un cambio per il belga. Ovviamente Dries si è guadagnato la fiducia di tutti, ma in gare come l’ultima saree stato utile tirarlo fuori per un centravanti meno agile e più potente.

FISICITA’. Comune denominatore, sofferenza contro squadra fisiche e discretamente tecniche.
Secondo punto la panchina: Sarri gioca con pochissimi giocatori. Ha recuperato a tutti i costi Insigne, fa il solito cambio intorno di Hamsik intorno al 60′ o giù di lì, stavolta ha cambiato Allan che a Manchester era entrato cambiando la gara.

INTER. ha indovinato tutto. Non è riuscito a vincere come gli capitò lo scorso anno con la , ma l’Inter ha avuto le sue occasioni con innanzitutto. Sopratutto ha messo il bavaglio a Mertens dominato da Skriniar e callejon sul quale Nagatomò ha dato il meglio.
In partite come questa però problema però è in mezzo al campo: Jorgino, Allan e Hamsik non hanno inciso.
Abitudine per Marek nella grandi sfide, meno per i due brasiliani. In difficoltà la si mette sulla fisicità.

NOTE DI CRONACA. L’Inter blocca il Napoli, finisce 0-0. Al i partenopei ci provano subito con Hamsik, l’Inter risponde con un cross di Perisic fermato da Koulibaly. La squadra di Sarri va vicina al gol al 20′: tiro di Callejon respinto da Handanovic che ribatte anche la successiva conclusione di Mertens. mmata Inter al 41′ con un destro di deviato in calcio d’angolo da Reina. Nerazzurri vicinissimi al vantaggio al 47′ con Vecino che dopo aver scambiato con Icardi salta Reina e prova il tiro, Albiol salva sulla linea. Al 56′ Callejon serve Hamsik la cui conclusione finisce a lato di un soffio. Al 76′ Insigne, la cui presenza è stata in duio fino all’ultimo, tenta il tiro a giro da fuori area, palla di poco fuori.
Handanovic ancora protagonista all’84′ quando respinge un tiro da fuori di Zielinski e al 90′ quando evita l’autogol di Miranda. Napoli sempre primo in classifica con 25 punti, l’Inter insegue a quota 23.

VECINO. “Aiamo fatto una partita importante, sapevamo che saree stato diffi contro quella che al momento è la squadra più forte. Nel secondo tempo aiamo sofferto un po’, ma questo punto è importante per la classifica e per il morale”. “Inter da scudetto? Noi ci sentiamo forti, ma aiamo ancora molto da crescere: doiamo guardare partita dopo partita”.

TABELLINO. NAPOLI-INTER 0-0
Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (30′ st Rog), Jorginho, Hamsik (27′ st Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne (35′ st Ounas). A disp.: Sepe, Rafael, Maggio, Maksimovic, Chiriches, Mario Rui, Diawara, Leandrinho, Giaccherini. All.: Sarri
Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Skriniar, Nagatomo; Vecino, Gagliardini; Candreva (38′ st Cancelo), (26′ st Joao Mario), Perisic; Icardi (42′ st Eder). A disp.: Padelli, Berni, Ranocchia, Santon, Dalbert, Karamoh, Pinamonti. All.:
Arbitro: Banti
Marcatori:
Ammoniti: Miranda (I)