ULTIM'ORA

Napoli e Pepe: un taxi, una foto, una città scritta nel destino!

35748-pepe-reina

di Paolo Jr Paoletti – Pepe Reina, il e la città: una d’amore e di amicizia! Cominciata ben 13 anni fa quando il portiere, all’epoca del ma prossimo a passare al Villa, decise di regalarsi una crociera sul Mediterraneo. Tra le tappe, ovviamente, che per uno spagnolo è d’obbligo.
Concluse le pratiche crocieristiche, Reina e sua moglie Yolanda insieme ad una coppia di amici conosciuti a bordo, scendono a e si mettono alla ricerca di un taxi…
Lì il fato costruisce il destino. Pronto al parcheggio c’è il signor Michele Maturo con la sua Multipla bianca e il sorriso dei : cinture allacciate e comincia il sogno.

L’autista/guida capisce che Rejna è un calciatore, quindi la visita non può mancare è lo , dove Diego ha scritto la .
Pepe scende dall’auto, si fa scate una foto con lo alle spalle e il signor Michele dice: “Un giorno ti auguro di giocare nel “.
Pepe felice e divertito, rilancia: “Chissà. Per il momento ti manderò la mia maglia del Villar“.

Reina quella maglia la spedì davvero con la dedica “Para mi amigo Michele Maturo, de un turista enamorado de Napoles”, ma per un errore nell’indirizzo non arrivò mai a destinazione.
Quindi il colpo di scena: nito il ritiro a Dimaro, Rejna parlando con Antonio, un tassista rearmente al seguito del , gli mostra la foto scattata con Michele chiedendogli se lo conoscesse. La risposta è nel destino: “È mio padre!”.

Pepe e Michele Maturo, oggi rispettivamente 33 e 71 anni, si sono incontrati e riabbracciati di recente allo proprio nel luogo della consacrazione della loro amicizia. E tra ricordi e abbracci, Reina è riuscito nalmente a regarargli quella ‘storica’ maglietta.