ULTIM'ORA

Napoli basta, non merita il 3° posto! Grande Toni.

verona-napoli-2-0-toni-troppo-forte-per-questo-napoli

di Paolo Paoletti - Sconfitta, pareggio, sconfitta: 1 punto in 3 partite, sono la tomba della corsa del alla Champions.
Quattro sconfitte nelle ultime 11 gare, sono la pochezza della rosa azzurra che in concomitanza delle Coppe fa emergere tutti gli errori di De Laurentis e Bigon.
ha le sue enormi colpe, come si fa a non schierare dopo 3 reti alla Dinamo Mosca? La sua sola presenza avrebbe preoccupato l’avversario.
E Gabbiadini che ci fa in panchina se entra e al primo pallone colpisce il palo?
impresentabile per come si è presentato al Bentegodi: un gol per tempo nei primi 7 minuti, ma la testa dov’è?
Come si può pensare di essere una grande se si sbaglia costantemente l’approccio alle partite?

C’è una sola spiegazione: non sa motivare una squadra che non crede giustamente al campionato. Chi meglio dei giocatori sa quale è l’effettivo valore di questo ?

Oggi a Verona Mesto, Britos, Hamsik si sono visti la partita. Smettimola di vivere di ricordi: Hamsik fa ridere, è il giocatore più sostituito del campionato non può essere un capitano. Gente come Mesto non è da squadra europea. Britos andasse a coltivare i cocozzielli come diceva il mio caro amico Giuseppe Pacileo. Uno che sapeva di calcio e sopratutto di buon senso.

Proprio quello che non ha: come bisogna dirgli che deve giocare la migliore formazione possibile, sempre e comunque ammettendo che gli possono fare solo tapezzeria?
Toni a 38 anni ha fatto 13 gol, gli stessi di : dice qualcosa?

Basta con l’esaltazione di vittorie contro squadrette: Sala e Pelsuo, Gomez e Jankovic hanno fatto vedere come si fa sugli esterni. Callejon invece è andato a fare il terzino !
Hallfredsson è sembrato un gigante, Obbadi e Tachtsidis invalicabili…
Con una linea di 4, una di 5, Mandorlini ha chiuso tutto e Tony ha riaperto l’orizzonte del Verona.

Il non ha convinzione nell’impostazione del gioco La fase difensiva . sempre sotto accusa – riguarda tutta la squadra a cominciare da Zapata. La verità è che manca forza mentale e carattere: senza personalità si fanno solo figuracce.
Dopo 20′ si era capito tutto: dice bene Boban, la discontinuità del è già un !!!

Ed ora vediamo cosa faranno Roma, e Fiorentina…

NOTE. Verona- 2-0. Nel segno di uno strepitoso Luca Toni che demolisce la difesa del con due gol: al 7′ del pt e al 6′ della ripresa, due pezzi di bravura. forte, meritata di un Verona che vola a metà classifica, mentre il vede il suo a rischio: 1 punto nelle ultime 3 gare. in panchina per 67′. Gabbiadini-palo all’88′. All’89′ espulso Sala e convulso finale: ben 10 ammoniti.

TABELLINO. VERONA- 2-0
Verona (4-3-3): Benussi; Sala, Rodriguez, Moras, Pisano; Obbadi (26′ st Christodoulopoulos), Tachtsidis, Hallfredsson; Gomez (21′ st Greco), Toni, Jankovic (39′ st Martic). A disp. Gollini, Rafael, Brivio, Agostini, Marques, Campanharo, Fernandihno, Saviola, Nico Lopez. All. Mandorlini
(4-2-3-1): Andujar; Mesto (22′ st ), Albiol, Britos, Ghoulam; Lopez, ; De Guzman (16′ st Callejon), Hamsik (37′ st Gabbiadini), Mertens; Zapata. A disp: Rafael, Colombo, Maggio, Luperto, , Zuniga, Insigne. All.
: Banti
Marcatori: 7′ pt Toni (V), 6′ st Toni (V)
Ammoniti: Sala, Gomez, Obbadi, Tachtsidis, Chrstodoulopoulos, Toni (V), Ghoulam, Mesto, Albiol, Gabbiadini, Britos (N)
Espulsi: 44′ st Sala (V) per doppia ammonizione