ULTIM'ORA

Napoli, 3-1: primo, imbattuto ma ancora a rischio!

Napoli.esultanza.gruppo.2018.19.750x450

di Paolo Jr Paoletti - Tre gol, ma gli sono ancora lontani. Ed anche a rischio.
Il calcio è veramente bello… inizialmente sembrava un girone di ferro, con Psg e Liverpool favorite.
Poi Ancelotti riesce a pore la squadra prima nel girone senza sconfitte all’ultima gara della fase a gironi – prima volta nella storia azzurra – ma rischia di rese a mani vuote.
Perchè?
Perchè in Champions non puoi pareggiare a Belgrado, non puoi subire il 2-2 all’ultimo minuto a Parigi e non puoi neanche incassare una rete dalla Stella Rossa in casa!!!

Il risolve in 11 minuti contro i serbi, ma il Liverpool le prende a Parigi e slitta all’ultima partita.
Mezza a . Quella che regala il che non fa esperimenti, che non perde la testa, che mette in campo gli uomini giusti nei posti giusti.

Il dei titolari. Che è il di Champions.
Mertens ha fatto il 100° gol in , col e ‘’ Hamsik: voglio segnarne più gol di Marek.

Un che non fa sconti con Maksimovic centrale di destra di quella difesa a 3 che in Europa sta facendo la differenza. risultati. Contro questo la Stella cadente di Belgrado ha fatto quello che ha potuto. Ovvero, poco.

L’avevano messa sulla difesa e il contropiede, i serbi di Milojevic, ma neppure hanno avuto il tempo di provarci. Dopo 6 minuti il primo rischio: tacco di Mertens e Borjan che devìa senza manco sapere come.
Ma poco dopo all’11’ il gol del capitano che apre e praticamente chiude la questione.

Incredibile, Hamsik fa gol da corner. Con la palla che da Mertens passa per Maksimovic e arriva ad Hamsik, complice Gobelijc che se lo perde a 2 metri dalla riga.
Passa ma non s’accontenta il . E fa bene per la differenza reti.

Sbaglia un paio di volte a centrocampo e regala velenose ripartenze: 19’, Simic mette pensieri a Ospina… ma comincia e finisce qui la reazione serba.
Ancelotti urla che un gol non basta, che il ritmo va tenuto alto e la Stella Rossa bassa.

Messaggio compreso, anche perché non si può mai sapere, alla fine la differenza tra i gol fatti e i gol subiti potrebbe davvero stabilire chi va agli e chi invece se li perde.

E la conferma arriva appena dopo la mezz’ora (33’), quando la linea di sinistra Mario Rui-Fabian confeziona il pacco gol per Mertens: mezzo tocco col di “Ciruzzo” e Stella Rossa che va sotto un’altra volta. Insomma, primo tempo dominato dalla Stella Azzurra, mentre da Parigi arrivano notizie che non sono proprio le più desiderate.

Quando si ricomincia non c’è Albiol che s’è acciaccato. C’è Hysaj per lo spagnolo, ma non cambia niente. È sempre il a governare il pallone e la partita e non fa una grinza che arrivi pure il terzo gol. E questo sì, che è un gol a immagine e somiglianza di Ancelotti: una giocata del capitano in verticale (51’), un tocco solo che spedisce il pallone a Mertens che è quaranta metri avanti. E il del giovanotto belga non perdona.

Per lui è il 19° gol nelle coppe nazionali. Come Cavani, vicino ai cuori della gente, ma lontano dai pensieri di mercato degli azzurri. Tre a zero. Non c’è storia.

Ma il , si sa, si fa prendere spesso dal buonismo. Dalle distrazioni. O dalla stanchezza, chi lo sa. Insomma, qualche fesseria se la concede sempre. Infatti, (58’) Marin se ne beve quattro in fila (Allan, Hamsik, Koulibay e infine Mario Rui) e invita Ben a un gol che non si può sbagliare. Tre a uno, ma nulla è compromesso, si capisce. stanco, comunque, nel finale.

Ne approfittano, ma neppure troppo, i serbi.
Anche perché arrivano i cambi di Ancelotti a rimettere in salute il centrocampo azzurro.

Praticamente alla fine le emozioni sono solo quelle che uno o spera possano arrivare da Parigi. Ma non è così. E allora, signori, appuntamento a Liverpool l’11 dicembre.
Ma ad Alfield chi avrà più paura?

Il Liverpool che in Europa mette in fila solo delusioni, oppure il primo ed imbattuto del girone?
Ancelotti ha avvertito: uscire sarebbe da coglioni!

TABELLINO. -STRELLA ROSSA 3-1

Marcatori: 11′ pt Hamsik (N), 33′ pt e 7′ st Mertens, 12′ st El Faroud
Assist: 11′ pt Maksimovic (N), 33′ pt Fabian (N), 7′ st Hamsik (N), 12′ st Marin

(4-4-2): Ospina; Maksimovic, Albiol (1′ st Hysaj), Koulibaly, Mario Rui; (40′ st Rog), Allan, Hamsik, Fabián; Insigne (31′ st Zielinski), Mertens. All. Ancelotti

STELLA ROSSA (4-2-3-1): Borjan; Gobeljic, Degenek, Babic, Rodic; Krsticic, Simic (31′ st Ebecilio); Srnic (19′ st Jovancic), Marin, El Fardou; Stojiljkovic (1′ st Jovelijc). All. Milojevic

Arbitro: Gil Manzano (SPA)
Ammoniti: 46′ pt Kristicic, 30′ st Jovancic, 36′ st Gobeljic, 43′ st Hysaj

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply