ULTIM'ORA

Napoli, 3-1: autogol, Milik, regalo finale. Terrore difensivo.

C_29_fotogallery_1019226__ImageGallery__imageGalleryItem_11_image

di Paolo Paoletti - Il Napoli comincia con una vittoria, senza lasciar punti contro il neo promosso Verona. E’ il vero passo avanti rispetto alla prima dell’anno scorso.
Gli azzurri rispondono alla con un 3-1: ancora un gol subito e troppe occasioni lasciate agli avversari.
L’equio si sblocca al 32′ per l’autorete di Souprayen dopo un’uscita a vuoto di Nicolas.
Al 39′ il raddoppio di Milik, servito al bacio da Insigne, il miglior azzurro.
Al 62′ Ghoulam segna il suo primo gol in Serie A e fa tris sull’ennesimo regalo della difesa gialloblù.
Nel nale espulso Hysaj e gol su rigore di Pazzini.
Rispetto al match contro il Nizza, Sarri cambia quattro uomini: in difesa Chiriches fa riatare Albiol, centrocampo afdate a Diawara (Jorginho in panchina senza motivo) mentre Zielinski è preferito ad Allan.
In attacco , il migliore nel playoff di Champions, lascia posto a Milik.
Assurde le scelte di Pecchia, per 2 anni assistente di Benitez, che schiera il Verona con il 4-3-1-2 e lascia fuori Pazzini, l’eroe della promozione. Davanti Cerci e Verde supportati da Bessa, il più in palla, non pungono.

NOTE. Vincere non basta più se si vuole puntare allo .
Il Verona è stato un ianto ed è assurdo aver concesso agli scaligeri 4 palle gol negli 15 minuti.
Sarri con questa difesa non va da nessuna parte: o è lui che non sa allenarla, oppure sono scarsi i difensori.
Albiol non può stare in panchina, Koulibaly deve smetterla di addormentarsi, Hysaj è ingiusticabile per il rigore e l’espulsione. Era già ammonito.
Contro una squadra che neanche si conosceva, il Napoli è riuscito ancora una volta a riaprire una gara chiusa.
Insigne, il migliore, ha giocato con sufcienza. Milik non ha la determinazione di . Diawarà è lontano parente di Jorginho. ha fatto lo spettatore.
Nonostante tutto questo, il Napoli ha portato avanti una partita senza sussulti, certamente per la pochezza dell’avversario, ma per il gioco a memoria che fa girar palla e trova sbocchi.
L’attacco ha sempre funzionato, già con Benitez, del quale Pecchi fu assistente; la difesa continua ad essere insufciente: lenta e distratta, collelziona assurdi errori individuali e sulle palle inattive non sa schierarsi e marcare. Koulibaly nel nale da infarto si è fatto scavalcare 3 volte dalla traettoria, Chiriches ha inventato un regalo per Pazzini su cui Reina ha fatto il miracolo, senza di cui non si sa come saree nita. Dover commettere un fallo da ultimo uomo si avversario lanciato a rete, conferma l’inafdabilità del reparto.
Contro il Verona è andata bene, poi?

Sarri dia risposte precise ed esaudianti: anche a lui non si possono più concedere appelli.

DECISIVI.
PAZZINI, 6. Al di là del rigore è il più pericoloso dei suoi.
NICOLAS, 5. Bene tra i pali, male in uscita: un suo errore spiana la vittoria del Napoli innescando l’autorete di Souprayen. Si riscatta troppo tardi.
CERCI, 4. E’ un ectoplasma! Passeggia per il campo, sempre in ritardo sui servizi dei compagni. Tira una sola volta consenziente Hysaj e Reina smanaccia. Tardivo il cambio con Pazzini.

INSIGNE 7. Non al meglio ma basta per essere il migliore del Napoli. Ottimo l’assist del 2-0 per Milik. ha avuto 2 palle gol, sprecando.
MILIK 6. Il gol e basta. Ancora troppo poco per strappare il posto da titolare a . Aver segnato gli farà bene!.
5. Assente, anzi non pervenuto. Va in campo perchè Sarri ha paura di tenerlo fuori! c

TABELLINO. VERONA-NAPOLI 1-3
Verona (4-3-1-2): Nicolas 5; Caceres 5,5, Ferrari 6, Heurtaux 5 (41′ st Valoti SV), Souprayen 5,5; Romulo 5,5, Buchel 5,5, Zaccagni 5 (19′ st Fares 6); Bessa 6; Cerci 5 (27′ st Pazzini 6), Verde 6.
A disposizione: Silvestri, Coppola, Laner, B. Zuculini, Fossati, Caracciolo, Bearzotti, Felicioli.
Allenatore: Pecchia 5

Napoli (4-3-3): Reina 6,5; Hysaj 5, Chiriches 5,5, Koulibaly 6,5, Ghoulam 6,5; Zielinski 6, Diawara 6,5, 5,5 (21′ st Allan 6); 6 (28′ st Giaccherini 6), Milik 6,5 (16′ st 6,5), Insigne 7,5.
A disposizione: Rel, Sepe, Mario Rui, Jorginho, Maggio, Maksimovic, Rog, Albiol, Ounas.
Allenatore: Sarri 6,5

Arbitro: Fari
Marcatori: 32′ aut. Souprayen (N), 39′ Milik (N), 17′ st Ghoulam (N), 38′ st rig. Pazzini (V)
Ammoniti: Hysaj (N), Heurtaux (V), Romulo (V), Giaccherini (N)
Espulsi: Al 37′ st Hysaj (N) per fallo da ultimo uomo