ULTIM'ORA

Nadal è la storia: Undecima a Montecarlo!

nadal_coppa_getty

di Cocò Parisienne - Rafa è la . Il maiorchino ha conquistato per l’11a volta il torneo di Montecarlo battendo 6-3, 6-2 il se Kei Nishikori, numero 36 del mondo, in un’ora e 33′ di gioco.

PARTENZA A RAZZO. Rafa tiene il servizio a 15 senza particolari problemi, andando avanti 1-0. Il se salva subito una palla-break e si salva al termine di un game innito, durato 11′ e 16 punti. Kei è bravo a sfrute un paio di errori di troppo del numero 1 del mondo, tra cui un doppio fallo, per piazzare a sorpresa il break dell’1-2 (terzo servizio perso dal maiorchino in tutta la settimana moneca). ricambia subito il favore e si riporta in parità alla terza palla-break del suo match, graziato dal primo doppio fallo dell’avversario (2-2). Rafa tiene agevolmente il servizio e poi va a prendersi il secondo break consecutivo con un paio di colpi che strappano applausi a scena aperta al Ranieri III (4-2). Il numero 1 tiene il servizio a fatica in un game oggettivamente brutto e ricco di errori, annullando anche un break-point a Nishikori, che vede scappare l’avversario 5-2. L’asiatico sfrutta quattro gratuti dell’avversario, tenendo a zero la battuta e accorciando 5-3; pur con qualche sofferenza di troppo nel game seguente (un set-point annullato), chiude 6-3 il primo set dopo 56′.

SECONDO SET. Nishikori tiene a fatica il servizio, dovendo annullare anche la prima palla-break del set a un comunque molto impreciso rispetto ai giorni precedenti (0-1). Lo spagnolo non ha problemi nel proprio turno di battuta e va a prendersi il break nel terzo gioco, dove ha decisamente alzato il livello del gioco (2-1). Rafa tiene a zero il servizio e vola 3-1, con il se che sembra accusare i primi segni della fatica (in questa settimana è stato in campo oltre 10 ore, il doppio rispetto al rivale). Nishikori cede ancora la battuta (a 15) e preso dalla frustrazione getta via la racchetta, consegnando a un vantaggio importante (4-1 con doppio break). Il maiorchino non trema al servizio e vola 5-1, poi Nishikori d’orgoglio tiene a zero il proprio servizio per il 5-2. Il se però non può nulla nel gioco successivo, quando Rafa chiude i conti 6-2 in poco più di un’ora e mezzo di gioco, conquistando Montecarlo per l’undicesima volta ed entrando nella .

RE DELLA ROSSA! trionfa per l’undicesima volta in Costa Azzurra (2005-2012 e 2016-2017 le precedenti), incamera il 54° titolo sul “rosso” e il 31° Masters 1000, nella sua vittoria numero 76 (la prima nel 2018) su 112 nali giocate (11/12 nel Principato). Rafa incrementa anche i suoi record personali: 68 vittorie ed appena 4 scontte a Monaco e 324 vittorie contro 35 scontte in carriera sulla terra. Nel Principato è in serie positiva da 15 partite: nel torneo appena concluso ha concesso 4 game a Bedene, 5 a Khachanov, 2 a Thiem, 5 a Dimitrov e altrettanti a Nishikori. Con questi 1000 punti, il maiorchino respinge il primo assalto al trono da parte di un Federer in vacanza: lo svizzero, che per il secondo anno di la ha scelto di sale per intero la stagione sulla terra, saree tornato in vetta al ranking in caso di mancata affermazione dell’iberico. , che prima di Montecarlo aveva giocato solo gli n Open (costretto al ritiro al quinto set nei quarti contro Cilic per un problema all’anca) ed un paio di settimane fa i due sinari in Davis, porta anche a 36 la serie di set vinti sul rosso: leggendario, impressionante, cannibale. Ora gli obiettivi si chiamano , Madrid, Roma e naturalmente Parigi.

RISULTATO: Rafa (Esp) vs Kei Nishikori (Jpn) 6-3, 6-2