ULTIM'ORA

Mou torna Special: l’esultanza coi tifosi blinda la panchina.

C_29_articolo_1015606_upiImgPrincipaleOriz

di Mary Bridge – L’esultanza di Josè Mournho è su tutti i giornali e raccontata da tutte le tv. Pellegrini l’ha presa male…una mancanza di rispetto per lui e il City. No, al di là della storia del figlio raccontata per giustificarsi, c’è un preciso obiettivo del portoghese: blindare la panchina al riparo dai pruriti di Abramovich.

Oggi il Chelsea è secondo, ma l’inizio stentato aveva già messo in dubbio la permanenza di Mou al Chelsea. Un ritorno strapagato di cui il patron russo aveva subito cominciato a mettere in dubbio. Dopo la festa coi al di Torres, sarà molto più difficile criticare Special One.

IL FATTO. I minuti di di Chelsea-Manchester City, in cui i blues hanno vinto per 2-1, è una di quei momenti da festeggiare alla José Mourinho: corsa sotto la curva, inchinandosi in campo o… facendosi baciare da un so.

Dopo il del Niño Torres, la gioia dello Special One è stata innibile tanto da lanciarsi tra i supporter del Chelsea per festeggiare la vittoria sul City. Mentre abbracciava tutti, Mourinho è stato afferrato da un so blues che, tra una fotografia e qualche abbraccio, ne ha approfittato per baciare due volte il portoghese.

La folle esultanza di José ha anche scatenato le ire del tecnico dei Citizens, Manuel Pellegrini, che si è rifiutato di stringere la mano allo Special One a fine gara. Mourinho, ripreposi dall’euforia della vittoria, ha così giustificato la sua reazione al di Torres: “Sugli spalti dietro la mia panchina pensavo ci fosse seduto mio figlio, a cui avevo promesso che avrei esultato con lui se avessimo vinto. Il Chelsea, però, gli ha dato un biglietto per sedersi dietro la panchina ospite. Io non potevo saperlo. Se quelli del City vorranno credermi, bene. Se non dovessero credermi, mi scuso se si sono sentiti offesi dalla mia esultanza”.