ULTIM'ORA

Mou, 0-0 Special: Atletì frustato, si decide a Londra!

C_29_fotogallery_1004296__ImageGallery__imageGalleryItem_28_image

di Carmen Castilla - “Abbiamo frustato l’Atletico che aveva sempre segnato in casa e fuori. Uno 0-0 non è un grande risultato ma la squadra ha fatto una gara di sostanza e non volevamo cominciare a Stamford Bridge rincorrendo uno svantaggio. Chech ha finito la stagione, Terry ha detto a Gary Lineker che potrebbe essere fuori anche dal mondiale… ”

Mou ha ottenuto ciò che voleva, poco Special molto One.
Andata senza che rimanda tutto a Londra tra 7 giorni. Il ‘Vicente Calderon’ era infuocato e accetta la sfida puntando sulla difesa e porta a casa un pari into.

Al 18′ perde anche Cech per infortunio, ma l’Atletico non sfonda: a stento si regge in piedi, Suarez ci prova senza grandi spunti.
Nella ripresa Koke impensierisce su punizione e Schwarzer è attento.
Qualificazione aperta, Simeone ha perso il primo roud e si giocherà tutto a ‘Stamford Bridge’.

Mou impone il ‘chissenefrega dello spettacolo’: una semifinale è sempre una semifinale e José sa bene come vanno giocate.
Special ha preparato e gestito il muro davanti l’area di rigore: zero spazio per , palla fatta scivolare sempre sulle fasce, cross tanti crosso sempre ribattuti dai due centrali Blues.
Voleva lo 0-0, 0-0 è stato. Al può solo vincere, ma anche stavolta, ha fatto i suoi calcoli.
L’Atletico è superiore al ma nei porimi 90′ non s’è visto.
Simeone morde sempre le partite me Mou oppone un 4-5-1 difensivo: David Luiz davanti la difesa in altri tempi catenacciaro.
Non c’è niente da nascondere: il si protegge, spazza, Torres si muove nel deserto.
La scelta di Torres, anziché Eto’o, è una mossa forzata. Willian e res restano bassi e la metà campo diventa impenetrabile.

L’Atletico di Simeone, per la prima volta in paga dazio: benino fino ai trenta metri, poi l’imbuto non lascia sbocchi. Con le buone e con le cattive.
Courtois, dopo le minacce di Mou, resta a spasso. Cech lascia dopo 18′ opponendosi ad un tiro cross di Koke dall’ano. Continua il 42enne Schwarzer.

Il più pericoloso è , prova a tirare appena c’è un buco. Ma l’occasione migliore capita a e Azpilicueta si immola e respinge.

Nella ripresa non cambia una vira. Gara tattica, perfino noiosa, disinnescata dall’attenzione del . L’ingresso di Arda Turan, per , non risolve e l’ultimo quarto d’ora diventa un assedio con il turco e Luis . E al 92′ ancora sfiora il con l’ennesima colpo di testa nelle braccia di Schwarzer.

A Londra, tra una settimana, sarà fotocopia da entrambe le parti. Servirà un per decidere chi va in finale: il primo che segna passa!

VOTI.
6,5. Sostituzione prevista. Il brasiliano lotta, accorcia, riparte, tira. Schwarzer non ha pensieri.
5. Chiuso da Terry e Cahill, gli manca il lampo per sbloccare partita e qualificazione. Non decisivo, per una volta
Raul 6. Primo tempo fondamentale per l’Atletico: si inserisce ma sempre anticipato. Lavora tanto anche nella ripresa.

Lampard 6. Nonostante l’età guida la squadra con il solito carisma. Sbroglia un po’ di situazioni è sempre sul pezzo.
Torres 6. Merita la sufficienza per il lavoro sporco condannato a giocare una partita opposta alle sue caratteristiche. Nella ripresa prova anche lo spunto.
Schwarzer 7. Nessuna parate impossibile. Nel piattume della partita, conserva personalità, guida la difesa, è attento sulle palle alte.

TABELLINO. - 0-0
(4-4-2): Courtois; Juanfran, Miranda, Godin, Filipe Luis; Raul (41′ st Villa), Gabi, Mario Suarez, Koke; , (15′ st Arda Turan). A disp.: Aranzubia, Alderweireld, Tiago, Rodriguez, Sosa. All.: Simeone.

(4-3-3): Cech (18′ Schwarzer); Azpilicueta, Cahill, Terry (28′ st Schurrle), Cole; Mikel, David Luiz, Lampard; res, Torres, Willian (49′ st Ba). A disp.: Akè, Kalas, Oscar, Van Ginkel. All.: .

Arbitro: Eriksson (Svezia)
Ammoniti: Gabi (A), Lampard, Mikel (C)