ULTIM'ORA

Morto un Conte se ne fa un’altro, a primavera! Ct conteso dalle big.

tavecchio_conte_lp

di na Collina - “La mia ricandidatura dipende dalla salute e dai risultati”, Carlo Tavecchio parla di ripresensi alla Presidenza federale e del di Antonio Conte: “Ci siamo dati appuntamento in primavera. Ho in testa l’idea di trattenere Conte perché l’ho voluto io, non solo come ct ma come responsabile di tutte le nazionali. Più di quello che ho fatto con lo sponsor non posso fare, ci sono sirene dal Nord Europa e non solo”.

Tavecchio aveva detto, “morto un Papa se ne fa un altro”. Ora spiega chi vuole ‘rubare’ Conte alla Nazionale.
Contratto in scadenza dopo l’Europeo, il Cittì attende gli sviluppi della giostra avviata dall’esonero di Mourinho!
Come lui Capello, destinato all’Italia.
Milan, ntus, , Chelsea, , pensano a Conte che ha parlato della sua esperienza da Cittì selezionatore al “Dubai national s Conference”: “Il mio rammarico come selezionatore è incidere come vorrei, ma mi sento un allenatore molto più completo. Ho imparato a ottimizzare in pochi giorni il lavoro che in un club si fa in un mese. Non bastano carisma o personalità, ci vogliono componenti importanti. Un allenatore deve riuscire a migliorare il calciatore, a creare una squadra perché c’è bisogno di giocatori bravi ma vince sempre la squadra, il noi, non l’io. Anche in Nazionale ci sono stati esempi aastanza eclatanti. Mi riferisco alla Danimarca e alla Grecia, a testimonianza che non sempre vince il più forte”.

“C’è un allenatore che decide per il bene comune, che stride un po’ con il sino. Penso che per noi sia molto importante essere credibile in tutto quello che fa, sia da un punto di vista tattico sia nei comportamenti, sia nel riprendere tra virette il campione che il giovane che viene dal vivaio. Al di là dell’energia bisogna riprendere i giocatori con la coerenza, che non deve mai mancare. Oltre che dai calciatori siamo giudicati anche dallo staff, il magazziniere. Ci vuole tanto per costruire un’immagine e una credibilità e non ci vuole niente per perderla”.

Tutto vero, tutto stand-by. Conte ha già fatto il massimo. Il risultato degli Europei è la ciliegina sulla torta ma diferentemente da quanto si pensi: se andrà male in , Conte potree rese Cittì. Diversamente la l’aspetta!