ULTIM'ORA

Milik come ‘o Lione, ancora 2 colpi. Gabbiadini distrutto.

e04be3f137643d6e332f229b2e7a6349_169_xl

di Paolo Jr Paoletti – - e Milik è decisivo! Arkadiusz ha stregato Napoli, non so no a quando ma ora è così. Mandato in campo da Sarri sull’1-1 col Bologna, il polacco entra e ne fa altri 2, risolvendo una partita diventata complicata.
A 22 anni, 3 doppiette in 6 partite – lo scorso anno ne fece 5 in totale – il confronto con Gonzalo Higuain è un oligo.

Il primo Milik batte il primo Higuain: 6 nelle prime 5 gare in maglia azzurra per il polacco arrivato dall’Ajax, 4 nelle prime 5 presenze con il club campano per il Pipita. 3 doppiette per il classe ’94, dicevamo: una contro il alla prima al San Paolo, una contro la Dinamo Kiev in , e una questa sera, fanno un ogni 54′. E se si considerano gli segnati in Olanda, con il club sono 4 doppiette consecutive (20 aprile, due all’Heerenven). Uno contro il Chievo, uno con l’, uno col Bo Dortmund, uno con il per l’attaccante ora alla , che rimase a secco contro il Bologna al debutto. Un in più ma un minimo comune denominatore: la . Che sia 9 o 99, a Napoli non cambia. Anzi, il secondo, l’uomo dei due alla volta, segna di più.

Il Napoli con Milik è ancora più prolico rispetto all’anno scorso: 12 in 4 giornate, media di 3 reti a gara.
Ovviamente contro avversari modesti per vari motivi: Pescara, , Palermo e Bologna.
Per adesso comunque l’addio di Higuain è stato assorbito bene.
Dal 1957-58, quando il centravanti era ‘o Lione Luis Vinicio, il Napoli non segnava tanti ….13 nei primi 4 turni!