ULTIM'ORA

Milan rischiatutto: senza Europa tutti via, anche Balo!

C_29_articolo_1029373_upiImgPrincipaleOriz

di Nina Madonna - Il Milan ci crede? Deve crederci. Contro l’Atletico Madrid, la squadra di si gioca presente e futuro.
Ribaltare lo 0-1 di Costa a sembra impossibile ma nessuno lo dice. Serve una vittoria con 2 gol di scarto, ma il Milan segna con il contagocce.
Sarebbero già tanto i supplementari…

a Madrid si gioca molto più dei quarti di : in palio 8 milioni di euro e il destino del Milan ed il suo in panchina.
Dai soldi e dagli impegni del pmo anno dipendono tutte le scelte di mercato anche le più ardite.
Nel frattempo Braida, ex Ds rossonero, sta già lavorando al mercato della Sampdoria.
Un mercato che dipenderà più dalle cessioni di Galliani che dall’Europa perchè senza il budget a disposizione corrisponde a zero, anzi a tagli per stipendi e premi, automatico in ragione del 30%.

Galliani farà cassa sacrificando le ‘stelle’. La prima è Mario Balotelli, a contratto fino a giugno 2017 e con stipendio da 4 milioni netti a stagione.
Mino Raiola, suo procuratore, non è più il primo consulente rossonero e nelle stanze di Adriano e Barbara i 2 AD di via Aldo , sono 2 gli scenari: Premier League da al e l’Arsenal stand-bay, oppure la Ligue 1 nel ricco Monacò.

Stesso stipendio e stesso discorso per e Mexes, da tempo ai margini. Per loro il problema è trovare un club che garantisca lo stesso stipendio.

C’è di più: anche Montolivo è nella lista dei tagli. Atletico Madrid, Arsenal e Bo Dortmund lo seguono. Montolivo, 29 anni, guadagna 3.5 milioni l’annuo fino al 30 giugno. L’entourage del calciatore conferma i rumors nonostante Montolivo sia il capitano del Milan.

Fuori dall’Europa dopo 15 anni, per immagine e necessità economiche, Montolivo realizzerebbe una importante plusvalenza essendo arrivato a parametro 0 nell’estate 2012.
Neanche i si salvano. Mattia De Sciglio, classe 1992, prodotto del vivaio, piace molto a Carlo Ancelotti che lo vorrebbe al Real.
Perfino De Sciglio è stato chiaro: “Al momento sono felice al Milan, ma nel calcio non si può mai dire mai. Sono giovane e fa piacere l’esse dei grandi club perché significa che sto facendo bene”.

Futuro più nero che rosso: caro , sei arrivato in un povero Diavolo.