ULTIM'ORA

Milan, palla ai cinesi: 30gg di tempo…

Berlusconi convicted

di Nina Madonna - La Galatioto Sport Partners, advisor americano che rappresenta la cordata cinese che vuole comprare il Milan, ha diramato un comunicato, riportato da lastampa.it, con il quale esprime la soddisne per l’: “Il nostro gruppo di investitori ha rmato in un accordo con ninvest per iniziare a trate l’Ac Milan. Questo è un importante passo importante verso la possibilità di chiudere l’accordo. Siamo ottimisti sul fatto che con ninvest noi potremo complee l’affare in modo rapido”.

LIBERA. Come riporta Milan Channel, l’ durerà no al 15 giugno e durante questo periodo di tempo la holding della famiglia Berlus potrà parlare solo con il gruppo cinese. Inoltre, entrambe le parti possono uscire dalla trattativa senza pagare nessuna penale.

E’ molto scarno il comunicato di ninvest sulla trattativa in corso per la del Milan ai cinesi. La nota della casa madre del rossonero recita: “ninvest ha raggiunto un accordo per un periodo di con un gruppo di investitori cinesi relativo alla di una quota dell’AC Milan. E’ stato contemporaneamente sottoscritto un promemoria di intesa, partendo dal quale si darà il via ad un approfondimento della trattativa. Il periodo di è stato denito in modo da risule compatibile con la complessità delle tematiche da discutere, le esigenze della società e gli appuntamenti previsti dal calendario delle attività calcistiche”.

Proviamo ad analizzare il comunicato e a rispondere ad alcune domande, anche in base ad altre informazioni in nostro possesso.

CHI SONO I CINESI. Nel comunicato non è specicato il nome degli locutori di ninvest, ma possiamo ipotizzare con buona probabilità di successo che si tratti dell’Evergrande Estate Group, fondato da Xu Jiayin. Si tratta di un fondo immobiliare che in Cina è già socio di maggioranza del Guangzhou Evergrande, in cui c’è anche la presenza Jack Ma (Alibaba) in minoranza.

I TEMPI. Anche in questo caso, possiamo fare delle ipotesi: la scadenza più verosimile è quella che ha come deadline il 30 giugno, ma con la speranza (da parte di ninvest e del Milan) di chiudere entro il 15-20 giugno, per dare ad Adriano (o a chi per esso) la possibilità di iniziare il mercato per tempo.

MINORANZA O MAGGIORANZA? Anche in questo caso, la nota non dà nessuna certezza. Ricordiamo però che nei precedenti comunicati di ninvest sul tema ‘ Milan’, quando ad esempio l’locutore era Bee Taechaubol, si faceva riferimento al 48% delle quote del , escludendo quindi una della maggioranza del . Il fatto che ora non si faccia menzione della percentuale può far pensare che si stia trattando per la vendita della maggioranza del (magari con una road map che preveda un ingresso graduale dei nuovi soci, prima minorii e poi di fatto padroni del Milan).

NO PENALE. Un ultimo punto da tenere considerazione è l’inesistenza di una penale in caso di decisione di Silvio Berlus di tirarsi indietro: in qualsiasi momento, il patron del Milan può cambiare idea e far sale . In questa vicenda, dunque, non sono ancora esclusi i colpi di scena.