ULTIM'ORA

Milan caos, in Cina: Yonghong Li truffa!

url-5

di Nina Madonna - Nel giorno dell’Assemblea dei soci a ‘Casa ’, dalla Cina arrivano indiscrezioni preoccupanti su Yonghong Li, l’uomo d’affari cinese che sta trattando l’acquisto del . ‘Shanghai Zhengquan’ quotidiano finanziario fondato nel 1991 di proprietà della Xinhua, agenzia di Stato e colosso dell’informazione, lo scorso 23 novembre riportava un profilo del “misterioso compratore del ”.
Emerge un profilo sospetto: Yonghong Li alla fine degli anni ’90 è stato al centro di una colossale ai danni di 18 mila risparmiatori che pensavano di investire nell’economia del futuro (agricoltura sostenibile) perdendo tutti i loro soldi.
Un totale di 800 milioni di yuan, circa 100 milioni di euro!
La ‘Sanda Zhuangyuan’ società coinvolta aveva come amministratori Yonghong Li, il padre Naizhi Li, e i fratelli Hongqiang Li e Yongfei Li.
I due fratelli di Yonghong sareero latitanti dal 2004 dopo una condanna al carcere per .

Altre cronache (fonte Xinhua) raccontano della società ‘Long Gu International’ sempre ta a Yonghong Li, che nel maggio 2015 a Canton, firmava un memorandum di intesa tra Thailandia e Cina per la costruzione di un canale artificiale del valore di 85 miliardi di dollari; impresa smentita da entrambi i governi dopo pochi giorni.

Come si chiede alla fine del suo dettagliato articolo lo Shanghai Zhengquan: che futuro può offrire al un personaggio così?.

Nel frattempo a o è stato ufficializzato che il closing per la cessione del , previsto per il 3 marzo, è slittato a data da destinarsi.
Lo ha annunciato l’ad rossonero Adriano . “Non si sono verificate le condizioni per il closing con la cordata cinese guidata da Sino-Europe s. Fininvest sta lavorando per trovare un accordo con SES in tempi brevi”.

Alle 10.28 COMUNICAZIONE UFFICIALE AD ACCORDO TROVATO. Si è chiusa l’assemblea con la proposta di Fininvest di non deliberare sui punti all’ordine del giorno. La comunicazione ufficiale arriverà soltanto una volta trovato l’accordo con Sino-Europe s.

La mattinata.

10:25 : FUTURO DONNARUMMA… “Non siamo al bar, è un’assemblea. Non è un tema all’ordine del giorno”. Così l’amministratore deto del , Adriano , durante l’assemblea dei soci della società rossonera, a un piccolo azionista chi gli chiedeva del futuro di Gianluigi Donnarumma, il neo 18enne portiere della squadra allenata da Vincenzo .

10:11 : “NON MI SENTO PRESO IN GIRO”. “Perché mi dovrei sentire preso in giro? Non c’è niente che non funzioni, la vita socieia continua tranquillamente”. Lo ha detto l’amministratore deto del , Adriano , rispondendo alle domande di alcuni piccoli azionisti che hanno chiesto “chiarezza” e hanno definito “inqualificabile” il comportamento dell’azionista di maggioranza, Fininvest, nell’ambito della trattativa con la cordata cinese. “Io – ha spiegato – non ho alcun diritto per dare risposte, perché non rappresento Fininvest. Io mi occupo del , non sono un amministratore di Finivest. La trattativa è condotta da Fininvest con SES. In questa vicenda l’amministratore deto del non è soggetto ma mero oggetto della trattattiva. Io mi occupo bene o male, male secondo l’avvocato La Scala (rappresentante dei piccoli azionisti, ndr), ma certamente non di questa trattativa. Con tutta la buona volontà, non posso rispondere a domande su a che punto siamo, che cosa succederà, quale sarà il futuro di Ac , perché non lo conosco. Se il verrà o non verrà ceduto non dipende certamente da me”.

10:10 NESSUNA DELIBERAZINE DELL’ASSEMBLEA. Fininvest, che detiene il 99,93% del ha voluto così fare il punto sulla trattativa con la cordata cinese, spiegando che “non si sono verificate le condizioni sospensive” del contratto e quindi “il closing non potrà avere luogo in data odierna come previsto”. Di conseguenza l’azionista di maggioranza ha proposto di non prendere alcuna deliberazione sui punti all’ordine del giorno dell’assemblea inizialmente convocata per il passaggio di proprieta’ del , quanto meno slittato visto che Ses ha chiesto a Fininvest una nuova proroga del closing di un mese in cambio di una terza caparra da 100 milioni di euro. “Per mera completezza di informazione – è la conclusione del messaggio della holding della famiglia Berlus -, Fininvest precisa comunque che sta valutando positivamente la possibilita’ di stipulare un accordo con Ses al fine di giungere alla cessione della propria partecipazione in Ac in tempi brevi”.

09:49 : “CLOSING SLITTATO”. Adriano ha che “non si sono verificate le condizioni” per il closing con la cordata cinese guidata da Sino-Europe s che “non può avere luogo in data odierna”. L’ad rossonero ha aggiunto che Fininvest sta lavorando per trovare un accordo con SES “in tempi brevi”.

09:41 VIA ALL’ASSEMBLEA. Ha preso il via l’assemblea dei soci del , inizialmente convocata per il passaggio di proprietà del alla cordata cinese guidata da Sino-Europe s, che però ha chiesto a Fininvest una nuova proroga del closing di un mese in cambio di una terza caparra da 100 milioni di euro. Lo slittamento della chiusura dell’affare non è ancora stato definito e l’annuncio, secondo quanto filtra, non è atteso a breve. Intanto l’assemblea, in scena a Casa , è presieduta dall’ad rossonero Adriano .