ULTIM'ORA

Miha-Sarri, sfida Champions. Milan a pezzi, 4 problemi!

assou37

di Nina Madonna - Ecco chi incrocia il Napoli: un Milan a pezzi dopo Genova. Senza gioco, senza certezze…
partita decisiva a San Siro domenica sera sopra per De Laurentis che vede di fronte chi aveva illuso (Mihajlovic) e chi ha scelto (Sarri).
Miha lo scorso anno andò a studiare l’ del toscano-napoletano. I due si conoscono bene, sanno reciprocamente, i giocatori a disposizione come sempre faranno la differenza.

Sinisa, si presenta male alla sfida contro il Napoli che doveva essere sua. Dopo 6 giornate fa i suoi conti sono in rosso. Peggio di Pippo Inzaghi che aveva 11 punti contro i 9 di Sinisa (3 vittorie e già 3 sconfitte); gli stessi subiti (già 9); meno fatti: 13 con Inzaghi e 8 con Mihajlovic.

Tanti i problemi di cui Sarri potrà approfite:
1. Difesa, soliti problemi. Uno contro uno è sempre sfida persa. Gli attaccanti avversari vincono i duelli, Zapata e Romagnoli affannano anche in zone pericolose. Contro il Genoa dopo soli 5′ il piazzato di Capel ha spaventato Lopez e al 10′ il della firmato da Dzemaili (deviazione di Bonaventura) è arrivato su punizione. Fare falli, costa molto. Dopo l’espulsione di Rodrigo Ely contro la Fiorentina alla prima, in Liguria è ‘rosso’ per Romagnoli. Il Napoli segna a ripetizione, 12 reti – 2° miglior attacco, sarà terribile.
Lo sa anche Mihajlovic, consapevole di come Sarri sia il peggiori da sfidare in questo momento.

2. Niente cattiveria, niente gioco. Il Milan regala sempre un tempo. Mihajlovic ci mette del suo ma non si vede. Non ha un trequartista, infatti, si sono alternati Suso, Honda, Bonaventura e, negli 10′ a Genova, anche Balotelli. Nessuno dà gae nel ruolo.

3. Bocciato De Jong mezz’ala. Meglio Kucka o Poli? Mihajlovic deve trovare soluzioni immediate: il Napoli è lì di domenica sera.

4. Perplessità anche sulla coppia d’attacco. Contro il Genoa fuori Bacca, entrato soltanto al 35′ della ripresa. Niente essendo stato pagato 30 milioni di euro, con esperienza (ultime due Europa League con il Siviglia), capace di dare profondità. Mihajlovic deve trovare soluzioni immediate: il Napoli è lì di domenica sera.