ULTIM'ORA

No miedo escenico, ma Reina: vogliono farmene 5!

url

di Nino Campa - Rejna non gioca al Bernabeu da 8 anni: l’ultima volta nel 2009, con il Liverpool, vinse 1-0.
“Mi aspetto un’accoglienza normale, ma vorranno farmene cinque…”.
Ricordi dolci per Pepe, che torna a Madrid per giocarsi i di nale di League. Questa volta, però, con il Napoli.
Spiega: “Il Bernabeu impone rispetto, tutti amano giocarci. Quando l’ho fatto io non mi è andata male, ma è sempre dif confronsi con il Real, che in casa non ne perde una. Essendo spagnolo avranno un occhio di riguardo nei miei confronti, però comunque sono il portiere del Napoli e vorranno mettermene cinque. Non mi aspetto né applausi né schi”.

PAPA’ DI. Al Bernabeu ci sarà anche Miguel Reina, papà di Pepe, portiere anche lui, scontto nella nale di Coppa dei del 1974 con l’ dal Bayern Monaco. “Non posso perdermi questa partita Il Napoli deve andare in campo senza alcun complesso. Con la velocità e la qualità la squadra di Sarri può far risultato ovunque. Nessun miedo escenico e a giocare come sanno”.

Gli azzurri “devono credere in l stessi e nella possibilità di vincere. Non c’è alcuna ragione per aver timori di sorta. Se il Napoli perde lo fa contro i d’Europa, e non succede niente. Ma…se passano dimostrano che sono dei fenomeni e la l dimensione cambierà per sempre. Ripeto, hanno i mezzi e le qualità, devono crederci perché sono uno squadrone. Da questa partita mi aspetto il meglio: che il Napoli giochi, corra, soffra, lotti e si sacrichi. Ma sempre credendo in sé stesso perché può battere chiunque. Incluso il Madrid”.

CALLETI’. Tra gli blancos che giocheranno mercoledì al Bernabeu anche , reduce dal turno di squalica nell’ultima di Serie A: “Il San Paolo è incredibile – ha spiegato a La Sta – succedono cose uniche, è il nostro dodicesimo giocatore. Dal mio arrivo mi ha sempre sostenuto anche perchè ogni domenica ho dato il massimo per la squadra. Real Madrid? Ho sognato di giocarci n da bambino, sarà speciale tornare al Bernabeu, è la mia casa, avrò sempre parole di ringraziamento per i si. Noi siamo una squadra in crescita, con tanti giovani, vogliamo fare il salto di qualità per divene grandi in Europa”.