ULTIM'ORA

Michele Pini, lascia la Lumezzane per fare l’operaio: Figc vergognati!

url-1

di Paolo Paoletti - Michele Pini, va inserito e citato esempio di malacalcio!
Bandiera del Lumezzane a 29 anni ha lasciato gli ‘scarpini’ per diventare operaio…

Una che azzera i sogni dei bambini, quando tutti volevano fare il calciatore.
Michele ha smesso di credere nel calcio. Dovendo rispondere alle responsabilità della vita di tutti i giorni: famiglia, figli in arrivo, futuro…

Ma anche una realtà fatta di stipendi sempre con tre mesi di ritardo, senza certezze, di società che falliscono una dopo l’altra.
In un’vista all’amica e sempre sensibile Emanuela Audisio (La Repubblica) l’ex terzino del Lumezzane – 114 presenze e 1 in – spiega: “Basta calcio, preferisco la fabbrica, è più sicuro”.

Che vergogna per il calcio dei milionari, dei presidenti di che si accapigliano per i diritti tivvù, rinnegando la mutualità che significa azzerare il movimento. E vergogna anche per Tavecchio e tutti quelli che lo hanno preceduto in , se in Italia i club continuano a fallire: Modena del furbacchione Antonio Caliendo, ed il glorioso Lanerossi di Vicenza, ultimi!

Il mondo del pallone di oggi è “una barca alla deriva. Pure quello minore, non milionario, in C1 dove una volta si vivacchiava anche se non eri Totti”. L’accusa di Michele è una coltellata all’immaginario di tutti ma che tutti ignorano, girandosi dall’altra parte!

E adesso nel calcio falliscono anche le speranze… Mi stava nascendo un figlio e io in questo calcio non ci ho più visto né l’illusione di promesse, né un pezzo di futuro, ma solo depressione”.

Due anni fa il gesto di Michele Pini, quando con uno stipendio di 1500 euro e ancora 4 mesi di contratto nel Lumezzane ha deciso di mollare .
Oggi è un operaio in una concessionaria di moto a Manebrio, paga sicura – 900 euro – e orari fissi: 7-12 e 13-16.30.
Dice: “Non è stata una decisione fa dopo dieci anni di professionismo. Io sognavo di giocare già da piccolo, ma attorno vedevo altre società che fallivano, altre Lumezzane, con pagamenti in ritardo, con ritiri annullati, dove veniva a mancare . E se a fine mese non ti arriva lo stipendio questo non potevo più permettermelo, visto che al supermercato la spesa la devi pagare, come il dentista e l’elettricista”.

Michele ha mollato, arrendendosi alla tristissima realtà: “Settori li zero. Attenzioni e cure zero. Mio figlio è nato, si chiama Federico, mia moglie Laura fa l’infermiera, e io non mi sento tradito, ma certamente non ricambiato”.

La conferma i veleni del calcio: mondo avvelenato dagli essi di quattro presidentucoli che speculano sulla stupida passione dei che poco e nulla sanno dell’esistenza di tanti Michele Pini.
Sopra in provincia dove il paradiso non è una palla che rotola ma vita dura da conquistarsi ogni giorno.

Michele è un giocatore storico del Lumezzane, milita nella squadra lombarda più o meno dal 2006, ma all’illusione del mondo del pallone ha scelto la vita dura di una fabbrica di stampi in alluminio.

Oltre il dovuto rispetto per la di Michele, va ringraziata Emanuela Audiso per aver raccontato questo spaccato del calcio, cui Fabbricini e Malagò e chi verrà in devono cancellare. Il calcio torni ad essere uno sport, un movimento di base in cui vanno privileggiati principi e valori, e la possibilità di vivere una vita normale anche con i proprio sogni di bambino.

il resto è una truffa autorizzata a favore di quattro ricchi ancora scemi e pericolosi per la società. E coperta dai mezzi di informazione!