ULTIM'ORA

Messi espulso, rifiuta la medaglia del 3° posto. Conmebol: sappia perdere!

Messi-Medel-Argentina-Cile

di Oscar Piovesan - chiude in modo eclatante la Copa America! Leo ha riutato la cerimonia per il 3° posto conquistato dall’ nella nalina con il , vinta per 2-1, raioso ed espulso al 37′ per la ‘rissa’ con Medel.

“Poteva base il giallo – ha detto a ne gara in zona mista – Ma era chiaro che dovevano farmi pagare le dichiarazioni di qualche giorno fa”.

In seguito al ko con il Brasile non le aveva mandate a dire: “Non cerco scuse, ma l’arbitraggio è stato assurdo. Episodi chiari per noi nemmeno visti al Var. Spero che la Conmebol faccia qualcosa, anche se qui il Brasile controlla e manipola tutto”.

Il 32enne ha quindi rincarato la dose ieri motivando così la scelta di non prendere parte alla azione: “Non doiamo fare parte di questa corruzione. Sembra tutto apparecchiato per il Brasile campione, spero che gli e la Var non influiscano e che il Perù se la possa giocare perché ha dimostrato di essere competitivo. Ma onestamente la vedo dif”.

LA CONMEBOL. Ecco Non la replica immediata della federcalcio sudamericana, con un ufciale. “Nel calcio a volte si vince e qualche volta si perde e un pilastro fondamentale del fair play è quello di accete i risultati con lealtà e rispetto. Lo stesso vale per le decisioni arbitrali, che sono umane e saranno sempre perfettibili. È inaccettabile che a seguito di episodi tipici della competizione, che coinvolgono 12 squadre, tutte a parità di condizioni, siano state lanciate accuse infondate che non rispettano la e mettono in discussione l’integrità della Copa America. Queste accuse rappresentano una mancanza di rispetto per la competizione, tutti i giocatori partecipanti e le centin di professionisti della Conmebol, un’istituzione che dal 2016 lavora instancabilmente per rendere trasparente, professionalizzare e sviluppare il calcio sudamericano”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply