ULTIM'ORA

Mertens svela Sarri: miglior attacco, peggior difesa!

url-1

di Paolo Paoletti - , Dzeko, Belotti, Higuain e… Mertens: cinque per il titolo di , 4 centravanti più 1!
Adesso è impossibile negare che Mertens sia un centravanti. Ovviamente con le sue caratteristiche, ma un vero uomo . Ha il uto, il talento, lo scatto, la tecnica ed anche la tenacia del bomber, qualità che nessuno aveva mai immaginato prima perchè utilizzato sembra esterno di fascia ed anche spesso nell’ultima mezz’ora della gara.

Sarri ha già fatto mea culpa, ma non aver capito di avere tra le mani un centravanti, è colpa grave. Costata al molti punti e un distacco di 8 dalla Juve. Insomma un campionato buttato…

Dopo 7 in 2 partite che può dire di Dries, intruso tra i bomber della serie A?
Il folletto belga è esploso in una settimana record, mentre si suona il de profundis per Gaiadini e le trombe per il ritorno a metà feraio di Milik.
Ma chi si prenderà la responsabilità di togliere Mertens dal centra dell’attacco?

I distinguo di Sarri sul modo di giocare con e senza Mertens prima punta sono fesserie, anzi alibi per la cecità del tecnico azzurro.
Il con o senza Mertens può e deve giocare solo a mille per fare la differenza: non ha palleggio conservativo, non ha interpretazione della gara, non ha gestione dei momenti della partita. Come ha dimostrato anche il Torino: 3-0 nel primo tempo, 2-3 nel secondo. Con tre assurdi regalati ai granata!

Il è il miglior attacco del campionato con 37 reti segnate: 1 più di Juve e Roma, 5 più della , 10 del Milan.
Ma è la peggior difesa con 18 incassati del gruppetto delle seconde: Roma 35, 34, 34, Milan 33, che si giocheranno i 2 posti Champions e l’Europa League.

Diciotto subiti in 17 gare sono un’enormità, ed è in difesa che Sarri non è riuscito a correggere, perchè il suo gioco difensivo prevede posizione, linea, traettorie della palla, non la marcatura a uomo uno contro uno in area di rigore. Ne è testimone Rugani, il quale dopo Juve-Roma ha raccontato come è perchè è migliorato diventato un titolare scalzando addirittura Benatia! In serie A, per vincere , si marca a uomo e Sarri sbaglia a mettere le sue idee di gioco prima dei risultati.

Infatti nel è più facile segnare 7 reti in due gare consecutive come ha fatto Mertens, che tenere la porta inviolata.

Mertens è arrivato a 10 marcature in 17 giornate, le stesse di Higuain con la Juve (che in Champions ne ha fatti 3 contro 4). Ma il paragone scomodo e fuorviante, è tra le difese: 14 subiti dalla Juve, 18 dal . La differenza è tutta lì!

Invece di scomodare paragoni ridicoli con Maradona – non per Mertens che ha segnato bellissimi – qualcuno spiegasse perchè la squadra resta immatura, adolescente, inafdabile.
Sarri si sofferma sull’incostanza di Mertens, ottenesse invece l’attenzione costante di difesa e centrocampo: primo regalato a Belotti per un rinvio rimpallato da un compagno, rigore inaudito tra entrate da karate e spinte inutili su Iago Falque spalle alla porta e quindi innucuo; fesseria di Reina su una presa bassa da scuola !!! Cose non da serie A!

Senza Higuain, Milik, Gaiadini… Sarri ha il miglior attacco del torneo con 37 : difcilmente Mertens tornerà panchinaro come no all’altro ieri.
La scorsa stagione, il belga era ritenuto solo un buon rincalzo utile in qualche sprazzo di partita per far ritare Insigne!
Nessuno aveva capito il potenziale dell’attaccante, che solo Maradona aveva battezzato il miglior giocatore del !

Caro Sarri, s’impara per tutta la vita. Vero?

STATISTICHE -TORINO
Solo una volta il aveva segnato almeno 37 nelle prime 17 gare di Serie A: 1957/58.
Sette nelle ultime due giornate per Mertens: non segnava in 2 gare consecutive di Serie A da maggio 2015.
Quarto su rigore su quattro calciati da Mertens nella sua carriera in Serie A (primo rigore ricevuto dal in questo campionato).
Mertens ha partecipato attivamente a 8 (7 reti, 1 assist) nelle ultime 3 gare giocate con il (tutte le competizioni).
Per la prima volta in Serie A Mertens ha realizzato due marcature multiple consecutive.
Primo poker in A per Mertens: l’ultimo in un campionato lo aveva realizzato in Eredivisie contro il Roda con la maglia del PSV (settembre 2011)
La tripletta di Mertens è la più veloce in Serie A dal gennaio 2006 (Trezeguet contro l’Ascoli).
Prima di Mertens l’ultimo a realizzare un poker in Serie A era stato Berardi contro il Milan (gennaio 2014).
Era dal maggio 2009 contro il Chievo che il non segnava 3 nei primi 22 minuti in un match di Serie A
Mertens è il primo giocatore di questo campionato a realizzare 2 triplette.
L’ultimo giocatore a realizzare 2 triplette in due giornate consecutive di Serie A era stato Pietro Anastasi con la Juve nel 1974 (orentina e Vicenza).
Sei e un assist nelle ultime 5 presenze in campionato per Belotti. L’attaccante nelle 15 presenze di questo campionato ha già realizzato i (12) che aveva segnato nelle 35 della scorsa Serie A.
Record di tiri nello specchio subiti per il Torino in un match di questo campionato (10).