ULTIM'ORA

Max si sbottona: il 6° è da leggenda!

allegri.juventus.2016.17.urlo1.750x450

di Antonella Lamole - Allegri svela l’obiettivo irrinunciabile della Juve: il Sesto . Lo fa richiamando i tifosi a non dare niente per scontato, smettendo di chiedere l’impossibile, godendosi quanto di buono c’è.
Il club ha una media stipendi da 4,6 milioni l’anno, ottavo posto nella speciale classifica dietro le due di Manchester, il , l’Arsenal e il . Nei primi dieci posti ovviamente , Madrid, Bayern Monaco e Paris Saint-Germain. Ottava la Juventus, 11esima la Roma (3,42 mln l’anno), davanti a Tottenham e , 14esima l’Inter (2,86). Classifica che legge i valori effettivi della Champions – United e a parte – e della serie A.

Allegri spiega: “Si sente dire che bisogna imitare il . No, la Juventus è la Juventus, il è il e il Bayern Monaco è il Bayern Monaco. Noi doiamo lavorare sui nostri pregi che sono la tattica e la furbizia, perché, senza togliere niente agli altri, noi ni siamo più svegli”.

“Un retroscena? A fine campionato ci siamo confrontati con la società e ci siamo detti: ‘Il giocatore da prendere quest’anno per rinforzare la squadra è Higuain’ – dice ancora Allegri – Gonzalo è uno che garantisce , è un attaccante di spessore. La società è stata brava: alla Juve sono abilissimi a programmare in anticipo”

AI TIFOSI. “Questa, per noi, è un’annata in cui l’entusiasmo deve accompagnarci fino alla fine. Io vado in campo e devo avere dentro la testa scritto ’6′. I tifosi stessi, quelli allo o, dovreero scoppiare dalla voglia di festeggiare questo che è da leggenda. E dovreero viversi ogni momento, ogni partita. Non è una cosa banale puntare a vincere sei scudetti di fila. Non era banale vincere 25 partite su 26, la scorsa stagione. ma vi rendete conto? In estate davanti alla mi son messo a contarle: una, due, tre, quattro… venticinque. E’ tanta roba, ma quando sei nel frullatore non te ne rendi conto. E non è banale vincere 10 partite su 12 di campionato, come in questo avvio di stagione. Ecco, di queste cose il tifoso dovree gioire di volta in volta, senza dare nulla per scontato. Perché noi, tutti insieme, possiamo diventare leggenda. Tipo i Bulls di Jordan, sì…”.