ULTIM'ORA

Marotta e De Laurentis bluffano, parli Higuain!

C_29_articolo_1109326_upiImgPrincipaleOriz

di Paolo Paoletti - : nito? Non lo credo.
Adesso però sappiamo che De Laurentis non ha accettato una trattativa, si gioca a carte scoperte…
Una partita a scacchi iniziata da De Laurentis e .
Impossibile credere che oggi in si potesse chiudere o soltanto avviare un affare da 94,7 milioni: la cessione del capocannoniere della con 36 in 35 partite.

Ovvio che sia il Napoli, altrettanto la Juve, chiadano a di uscire allo scoperto.
Nicolas, fratello-manager, ha detto che non c’era alcun accordo con la ma che c’era stato un contatto e qualcosa di più!

Il Napoli non intende trate, la Juve non può fare la gura di mettere mano alla tasca e pagare senza fare nulla per risparmiare per un giocatore molto forte ma di 29 anni. Più più: sottose al Napoli e alle condizioni contrattuali di 2 parti che guadagnereero solo senza muovere un dito.

Se qualcuno, la Juve come qualsiasi altro , arrivasse con 94,7 milioni non avremmo modo di opporci, dice De Laurentis. Modo chiaro per auspicare che ciò accada.

Il richiamo forte alla classe bianconera, “un di razza, di classe” fatto da De Laurentis è una evidente preghiera ad evie ‘sgarbi’ ovvero retorico espediente per stanare l’avversario.
Ma non è nato ieri stando al gioco nei toni, ribadendo che “per ora è chiuso” non ci sono margini.
Per ora.

Due paroline, lì non a caso. In una partita appena cominciata.
Prossimo round il 25 luglio, giorno in cui è atteso a Dimaro.
Quel giorno, si farà un passo avanti.
Almeno per Gonzalo.