ULTIM'ORA

Mahatma Conte: i sogni…? Grande fatica! Sì Valdifiori.

Conte_Juventus-Stadium

di Antonella Lamole - Ci saranno più tifosi o più gufi domani?
“Tornare allo ntus um sarà una grande emozione. Penso che avremo tanti tifosi dalla nostra parte anche perché gioca la Nazionale e quindi ci sarà unità di intenti sotto tutti i punti di vista”.
Antonio Conte ha dribblato le polemiche sui tifosi bianconeri um, ma non ha avuto problemi nell’annunciare la formazione che scenderà in campo domani sera: “Giocano Buffon, che ha recuperato dalla febbre, Ranocchia, Bonucci e Chiellini in difesa, Florenzi e Darmian sugli esterni, in mezzo al campo Parolo, Valdifiori, Soriano e davanti Eder e Pellè”.

PROGETTO.”Stiamo lavorando per costruire qualcosa di buono. C’è un ricambio generazionale importante sotto tutti i punti di vista ed è inevitabile che in un cambiamento così importante serva pazienza e tempo senza essere bocciati alla prima occasione. Dobbiamo esserne coscienti tutti. Non c’è tantissimo tempo e cercheremo di fare il massimo. Più di questo, della promessa di lavorare al massimo non posso fare. Parlando con Giorgio Chiellini ieri mi ha detto: ‘Io sono il di questa , con 6 e Bonucci è secondo con 4′. Analizzando i numeri e togliendo tre, quattro giocatori non ci si può non stupire che la Croazia sia davanti a noi. Loro hanno dimostrato sul campo di avere una squadra più forte per numero di presenze nazionali, esperienza. C’è un ricambio generazionale che va portato avanti. Con calma”.

I TIFOSI TIFINO… “Credo di avere un ottimo rap con i tifosi, il loro compito è tifare. Avremo tanti tifosi dalla nostra parte anche perchè gioca la Nazionale. Gufi? Ci sarà tanta partecipazione da ogni punto di vista. Tornare allo ntus um è un’emozione molto molto forte. Ho tantissimi ricordi vissuti con la società, con i tifosi, sono tutti belli e non ne ho uno in particolare”.

FUTURO. “Futuro? Sono tante le cose che escono quotidianamente. Io leggo, qualche volta evito che è meglio. Mi chiedete se per un attimo ho avuto il pensiero di dimettermi, venerdì scorso? Ne avevo tanti altri di pensieri, peggiori. So che sto portando avanti un percorso estremamente diffi, ma prendo una frase di Mennea e la faccio mia: per raggiungere i grandi serve grande grande fatica. E’ talmente strano, a volte tutti quanti critichiamo ma poi ci sorprendiamo se squadre come la Croazia sono davanti a noi. Lo capisco perchè si vendono i e le fanno ascolti. Ma qui dobbiamo lavorare”.