ULTIM'ORA

Odgcontro Spalletti, lo sia con tutti anche ADL e Sarri!

o-SPALLETTI-TESTATA-facebook

di Paolo Paoletti - L’Ordine dei Giornalisti si schiera al nco di Roberto Maida del Corriere dello Sport, zittito da Luciano Spalletti in conferenza stampa. Episodio nato da una semplice domanda fatta dal giornalista, su un argomento sollevato proprio dall’allenatore.

L’Odg scrive “Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti esprime solidarietà al collega Roberto Maida, giornalista del Corriere dello Sport, al quale l’allenatore della Luciano Spalletti ha rivolto l’accusa di manovre opache contro la società di , a fronte di una semplice domanda su un argomento peraltro sollevato dallo stesso allenatore. Non è il primo tentativo di mettere il bavaglio ai giornalisti sportivi, da parte di autorevoli personaggi di società calcistiche.

Ribadiamo con forza quanto dovrebbe essere generalmente noto. Un giornalista non deve far felice il potente di turno, ma raccontare ciò che succede. Il giornalista risponde alla propria coscienza, al direttore del giornale ma soprat ai lettori. Non ai presidenti o agli allenatori di un . Il Consiglio Nazionale dell’Ordine stigmatizza il comportamento dell’allenatore Spalletti e ricorda che anche il ha bisogno di libertà, cultura, educazione e rispetto dei ruoli”.

Ne prendiamo atto, sperando che da oggi sia sempre così e sopra cambi il servilismo degli organi di informazione verso i potenti del .
A e Sarri continuano un bombardamento verso i giornalisti che non accenna a trovare ostacoli.
Il cinepresidente chiede costantemente l’azzeramento del diritto di critica asserendo che bisogna essere del !
Il tecnico ostentando il riuto per argomenti centrali come la competitività con la Juventus, l’utilizzo della rosa, Gabbiadini, eccetera…

Una volta e per tutte, sia chiaro che il giornalismo non è e non può essere a pagamento.
La libertà di opinione ed il diritto-dovere di critica, sono riferimenti certi e indiscutibili.
Bene ha fatto l’Odg a schierarsi contro Spalletti, bene faccia a prendere sempre posizioni a difesa della professione anche quando le cose non accadono a .

, Mediaset, gli organi di informazione che pagano i per esclusive ridicole hanno distrutto il e il giornalismo sportivo che racconta il . Raggiundendo il ridicolo con le radiotelecronache del so.
Ora basta. I giornalisti facciano i giornalisti, alla giusta distanza dal potere!