ULTIM'ORA

L’Inter ‘senza qualità’ ne fa 5 alla Samp!

Icardi.Inter.2017.18.esulta1.750x450

di Nina Madonna – Travolgente l’Inter di Marassi: la squadra di Spalletti vince 5-0 azzerando la Samp: gol di Perisic, poker di Mauro Icardi. Dopo il vantaggio del croato, il raddoppio su rigore dell’argentino, capace poi di battere Viviano altre tre volte. La rete del 3-0 è un prodigio di tacco.
Con questo successo l’Inter sale a 55, la Samp resta a 44.

Bisogna chiedersi: dopo Inter-Napoli l’accusa fu “mancanza di qualità”…
Il 5-0 rifilato alla in trasferta, 7 giorni dopo, chiede a Spalletti di spiegare “E’ servita la mia provocazione? Io l’ho fatto per andare avanti, per avere un dialogo con i giocatori. Poi se per voi è uno spunto per andare a creare dei dubbi e delle discussioni è una cosa vostra”.

“Il mio obiettivo è sempre quello di cercare di dare qualcosa di più e di dare forza ai giocatori. Non so quale sia il sistema per vincere ma conosco quello per perdere, che è quello di fare sempre i compenti a prescindere e di dire sempre bravi a tutti. Cosa mi è piaciuto di più di questa ? Mi è piaciuta la squadra, l’interpretazione della gara, la personalità contro un avversario difficile che in casa ha sempre fatto bene” ha aggiunto a Live.

“Non abbiamo concesso niente, ha funzionato il collettivo, la palla oggi viaggiava a un’altra velocità: abbiamo giocato da squadra e volevamo la in tutti i modi. Questa prestazione aumenta dei rimpianti per i mesi passati? Sarebbe altro tempo perso soffermarsi sul passato. Abbiamo già perso tempo, se ci andiamo a rimettere mano ne perderemmo di nuovo: dobbiamo concentrarci solo sulla prossima gara. I quattro gol di Icardi? Tutta la squadra ha gestito bene le situazioni, ci siamo trovati d’accordo su tutti gli atteggiamenti. Questo ha fatto la differenza” ha concluso Spalletti.

DECISIVI.
Viviano 5. Come i gol presi: inerme, difende solo sul colpo di testa di D’Ambrosio e su un di Perisic.
rez 4. Giampaolo vorrebbe strozzarlo dall’inizio: indolente, non marca Rafinha, invisibile. Prende un giallo, poi viene cambiato.
Zapata 6. Unico a lottare, prende un palo di testa, non si dà per vinto. Non aiutato.

Icardi 8. Maurito è così: partite anonime senza toccare palla, partite in cui ne fa quattro! Col Napoli aveva fatto vedere di essere tornato in condizione fisica; a Marassi sua casa ne segna in tutti i modi: rigore, di tacco, da rapace in area, di potenza con il al volo a voragine…
Cancelo 7. Continuo, spinta e piede cosi morbido che pochi hanno nell’Inter. Pennella il cross del vantaggio di Perisic, offre tante giocate di qualità.
Rafinha 7. Gli Manca il gol, ne sbaglia uno clamso da due passi; poi ci prova di tacco alla Icardi. Però manovra, salta l’uomo, crea superiorità.

TABELLINO. -INTER 0-5
(4-3-1-2): Viviano 5; Bereszynski 5 (34′ Verre 5), Silvestre 4,5, 4,5, Murru 5,5; Barreto 5 (9′ st Regini 5,5), Torreira 5, Praet 4,5; rez 4 (5′ st Caprari 5); Quagliarella 4,5, Zapata 6.
A disposizione: Belec, Tozzo, Andersen, Alvarez, Strinic, Capezzi, Tessiore, Kownacki.
Allenatore: Giampaolo 5

INTER (4-2-3-1): Handanovic 6; Cancelo 7, Skriniar 6,5, Miranda 6,5, D’Ambrosio 6; Brozovic 7, Gagliardini 7; Candreva 6,5 (33′ st Vecino sv), Rafinha 7 (35′ st Borja ro sv), Perisic 7; Icardi 9 (21′ st Eder sv).
A disposizione: Padelli, Berni, Lisandro, Rafinha, Karamoh, Santon, Dalbert.
Allenatore: Spalletti

Arbitro: Tagliavento 6,5
Marcatori: 26′ Perisic, 30′ su rigore, 31′, 44′ e 6′ st Icardi
Ammoniti: rez, Caprari, Rafinha

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply