ULTIM'ORA

Noi Telemaco, Renzi: “meritiamoci l’eredità dell’Europa”. Giallo Schulz.

++ Ue: Renzi, Italia non viene per chiedere ma per dare ++

di Bruke Ellèe - In un discorso pieno di citazioni della letteratura classica, il premier Matteo nel suo intervento all’rlamento, sottolinea che la “nostra è la generazione Telemaco”. “come me non avevano ancora 18 anni quando è stato siglato il trattato di Maastricht, hanno il dovere di riscoprirsi Telemaco e meritarsi l’ dell’”. “Invito questo semestre su questo, a ricoprirsi eredi”, rinnovando la conquista “dell’ giorno per giorno”.

Redazione ANSA STRASBURGO 02 luglio 201416:27
FOTO
Matteo
Stampa
Scrivi alla redazione
Il premier Matteo ha aperto il semestre no di presidenza dell’Ue. “L’ non chiede scorciatoie ma serve ritrovare l’anima”, ha detto il presidente del Consiglio. Che nel suo incontro con gli eurodeputati ni aveva sottolineato: “la cifra na del nostro semestre, la parola chiave, deve essere coraggio ed orgoglio”. Molte le figure retoriche e i passaggi a effetto usati da . “Con estrema preoccupazione devo dire che se l’ oggi si facesse un selfie, emergerebbe il volto della stanchezza, in alcuni casi della rassegnazione. L’ oggi mostrerebbe il volto della noia”.

Per il futuro – ha concluso davanti al a Strasburgo – serve l’impegno a far sì che “l’ non sia solo un’espressione geografica ma un’espressione dell’anima”. Una curiosità. Per la prima volta avrebbe dovuto leggere un discorso scritto, cambiando rispetto all’abitudine di andare ‘a braccio’ o aiutandosi solo con appunti scritti su foglietti. E invece anche davanti ai parlamentari europei ha preferito parlare ‘a braccio’ dopo aver consegnato il discorso ufficiale con gli obiettivi del semestre di presidenza na della Ue.

La SINTESI dei passaggi più significativi del discorso…

IMMIGRAZIONE
“Stiamo cercando di far fronte” alle stragi nel Mar Mediterraneo “con operazioni ne” ma “con la condivisione degli altri Paesi e della Commissione riusciremo a far fronte in modo più deciso per il futuro” ai flussi migratori “con Frontex plus”. “Se continuiamo a richiuderci nelle nostre frontiere non andremo da nessuna parte. Il prot dell’ non è solo nelle esigenze economiche, negli investimenti delle nostre azienda ma anche nella dimensione umana: voi rappresentate un faro di civiltà, la civilizzazione della globalizzazione”. “L’ non chiede scorciatoie, ma si offre per fare la propria parte”.

CRESCITA E IDENTITA’
“Senza crescita, l’ non ha futuro”, ha detto Matteo . L’invito per “questo semestre non è solo ragionare di questione economiche, su cui comunque ci faremo sentire con la nostra forza, quella di un grande Paese fondatore che contribuisce al bilancio più di quanto incassa”. “Se dobbiamo unire le nostre burocrazie, vi garantisco che a noi basta la nostra”. C’è “un’identità da respirare insieme. Non voglio sottovalutare le questioni economiche e finanziarie ma il valore più grande” non è questo. “Il futuro ha bisogno di noi ma se pensiamo al passaggio del testimone tra e non pensiamo a cose straordinarie e affascinanti e ricche di suggestione, come il rapporto tra Anchise ed Enea, Pericle e Cicerone, l’agora ed il foro ma alla crisi finanzia perché è molto forte nel nostro corpo la ferita della crisi”.

RIFORME E RESPONSABILITA’
L’ sa che deve “fare le sue riforme, cambiare la burocrazia, il sistema fiscale, le istituzioni. In questo momento il sta votando la riforma costituzionale che cambia le del gioco. Sappiamo che prima di tutto dobbiamo chiedere a noi la forza di cambiare per essere credibili”. Così il premier Matteo a Strasburgo. Il nostro è il “partito che ha preso più voti: li abbiamo presi non dicendo che era responsabilità dell’Ue ma che i problemi nascono dall’. Abbiamo usato il linguaggio della responsabilità”. L’ sa “che prima di tutto dobbiamo chiedere a noi stessi la forza di cambiare per essere credibili. L’ non viene in per chiedere ma per dare”. L’ “crede nelle istituzioni europee e ha voglia di cambiare”.

L’APERTURA A LONDRA
“Non ci sarà spazio per l’ se accetteremo di restare solo un puntino su Google map”. Così il premier Matteo a Strasburgo, che ha esortato la Ue a riprendere il ruolo di “avanguardia” sull’innovazione, il cambiamento climatico, il capitale umano. “Un’ senza il Regno Unito non sarebbe meno ricca ma sarebbe meno , meno se stessa”, ha aggiunto .

“In questa ‘smart Europe’ che vogliamo costruire saremo anche al fianco di chi ha idee diverse, idee che ci inorgogliscono, non ci indispongono”, ha spiegato , sottolineando che l’Ue ha davanti una “grande battaglia ” e “può essere il luogo del futuro se ha il coraggio di mettersi in gioco adesso”. “Faremo di tutto nel nostro semestre non per recuperare posizioni diverse ma per affermare i valori di investimento sull’”, aggiunge. E’ questa la ragione per cui le diverse linee espresse nel Consiglio europeo “devono essere ricondotte a unità”.

L’incontro con gli rlamentari ni – “La cifra na del nostro semestre, la parola chiave, deve essere coraggio ed orgoglio perché è il tempo in cui coraggio ed orgoglio sono richiesti all’ e all’”. Lo ha detto il premier Matteo incontrando gli rlamentari ni a Strasburgo. “Il Governo – ha proseguito – è convinto che mai come ora bisogna che l’ non vada in a chiedere o a rivendicare” ma a portare “una storia straordinaria ed un futuro all’altezza del nostro passato”.

A colloquio con Martin Schulz e il ‘giallo’ della conferenza stampa – avrà ora un colloquio con il presidente del Parlamento Martin Schulz. Che – rispondendo nella conferenza stampa di fine presidenza greca – ha confermato che non ci sarà la conferenza stampa congiunta con il presidente del Consiglio Matteo ed il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, al termine della presentazione del programma del semestre di presidenza na della Ue. “Non è la prima volta. Non è perché non vogliamo ma eccezionalmente ed esclusivamente a causa di restrizioni di orario del premier”, ha detto Schulz .